08232017Mer
Last updateMer, 23 Ago 2017 10am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners
×

Messaggio

Failed loading XML...

Si cercano risposte nelle chiamate del cellulare. Droni e cani cercano Loriana Dichiara

Le certezze: è stata avvistata per l'ultima volta a Civitanova Alta, ha prelevato 50 euro dal bancomat di una filiale della Bcc, ripresa da una telecamera di sorveglianza, e ha buttato il telefonino nella cassetta delle lettere dell'ufficio postale.

000lorianadichiara


MONTEGIORGIO – Si spera nel telefono. La procura di Macerata, che ora coordina le ricerche di Loriana Dichiara, l’avvocatessa montegiorgese scomparsa da lunedì mattina, ha disposto l'acquisizione del tabulato telefonico.

Numerose le persone sentite dagli inquirenti: conoscenti, amici e colleghi. Tutti contattati per ricostruire le frequentazioni e i possibili spostamenti della donna, a partire dall'amico (risentito anche ieri) che domenica mattina la Dichiara doveva incontrare per un aperitivo prima del pranzo con alcuni parenti: due appuntamenti entrambi mancati.

Si sperava anche in qualche segnalazione dopo l’appello lanciato anche dalla trasmissione Chi l’ha visto?, ma la donna non sembra avere lasciato tracce. Le telefonate su una donna somigliante all'avvocatessa arrivate ieri sera si sono rivelate tutte infondate, mentre sulla Punto non c'è stata neppure una segnalazione. Quaranta uomini in azione e quattro unità cinofile oltre a un drone.

Le certezze: è stata avvistata per l'ultima volta a Civitanova Alta, ha prelevato 50 euro dal bancomat di una filiale della Bcc, ripresa da una telecamera di sorveglianza, e ha buttato il telefonino nella cassetta delle lettere dell'ufficio postale.

Il trasferimento del fascicolo di indagine a Macerata è dovuto proprio al fatto che è in quella provincia che si perdono le tracce di Loriana e della sua auto targata AZ1395X.


Casa di riposo. M.S.Pietrangeli deve pagare 500mila euro. Il commissario: "Così eviteremo il dissesto"

Martino: “Quando si parla della casa di riposo, ci sono due piani di discussione: il primo quello legato al nuovo bando, alla gestione. Il secondo è la causa civile che vede il Comune dover rimborsare l’ex gestore, la cooperativa Aurora”.

martinocommissario


di Raffaele Vitali

MONTE SAN PIETRANGELI – Non parla quasi mai, ma quando lo fa è per ragioni serie. E così è anche questa volta. Il commissario prefettizio del comune di Monte San Pietrangeli, Francesco Martino, apre le porte della sala consiliare e seduto con a fianco il segretario comunale, il dottor Bonelli, presenta il futuro nebbioso del piccolo, quanto ricco di imprese, paese. “Dopo due anni di amministrazione i conti sono chiari. Il Bilancio sarà in squilibrio finanziario a causa dell'esecubilità di una sentenza di condanna che ho ereditato dal passato. Il regolamento Tuel prevede che i debiti sia possibile rateizzarli in tre anni. Studiando le carte con la Ragioneria dell’ente, però, abbiamo visto che non è possibile rateizzare, perché comporterebbe comunque uno squilibrio finanziario. Non potendo riconoscere un debito senza copertura, le alternative sono due”. Il fulcro della conversazione è la casa di riposo e il contenzioso civile che l’accompagna. “Quando si parla della casa di riposo, ci sono due piani di discussione: il primo quello legato al nuovo bando, legato alla concessione del servizio, che ho dovuto fare per l’annullamento della precedente gara annullata dal Tar nel 2012. Una gara diversa, con una concessione di servizi invece che un appalto. Il secondo è la causa civile che vede il Comune dover pagare 500mila euro all’ex gestore della casa di riposo, la cooperativa Aurora”.

Commissario, quali sono le alternative allo squilibrio finanziario?

“La prima è la dichiarazione del dissesto finanziario dell’ente, art 244 del Tuel. La seconda è usare il 243 bis, il pre dissesto, procedura volta a scongiurare l’esito tragico. È una procedura di riequilibrio finanziario pluriennale che prevede che il Consiglio comunale, e quindi il commissario in questo caso, deliberi l’attivazione della procedura e la trasmetta alla Corte dei Conti. Nel mentre l’ente deve predisporre il piano di riequilibrio nell’arco dei prossimi dieci anni. Il debito viene spalmato attraverso una rateizzazione decennale. Ma ci si riesce solo con una gestione da olio di ricino”.

Un iter complesso?

“Una volta trasmesso il piano analitico alla Corte dei conti, qualunque amministrazione arriverà non potrà discostarsi da quel piano che diventa un vincolo giuridico”.

Alternative?

“Non ci sono, il dissesto è reale. Il debito non è in conto capitale, quindi spazziamo via tutti gli equivoci alla possibilità di accensione di mutui o alienazioni di immobili che rientrano nel patrimonio. Non è possibile nessuna delle due soluzioni, perché le alienazioni la legge prevede che si possano fare per debiti in conto capitale, mentre questo è in parte corrente”.

Il quadro peggiora parola dopo parola. Cosa cambierà per i cittadini?

“Garantiremo i servizi essenziali, che sono impignorabili. Non crescerà il personale, non si faranno lavori e tanto altro. Ma comunque prima va fatto il piano, che non è così scontato che venga approvato. Va costruito alla perfezione e ci sono 90 giorni per farlo, quindi siamo al limite prima delle elezioni”.

Commissario Martino, facciamo un passo indietro. Come si è arrivati a un debito di 500mila euro?

“Torniamo indietro di anni. L’Ente dava alla cooperativa il 90% delle rette introitate. Nel contratto del bando era previsto che il restante 10% sarebbe stato versato quando ci fossero state le condizioni di sufficienza economica. Per Aurora significava quando la casa sarebbe stata a regime. Ma il bando non lo specificava. L’ente doveva quindi deliberare l’assegnazione del 10%. Non avendo mai fatto la delibera, le precedenti amministrazioni hanno ritenuto di non dare il 10%. Da qui, la somma richiesta. Per essere chiari era il bando a essere impostato in modo non chiaro. Con l’offerta al ribasso, la sufficienza economica l’ente aveva difficoltà a raggiungerla, a prescindere dal pieno regime. Il giudice in primo grado e in via cautelare ha però dato ragione alla cooperativa, più fumus che periculum”.

Il contenzioso civile, quando il commissario è arrivato, era già incardinato al tribunale di Fermo, in una fase avanzata. 

“Parliamo del decreto ingiuntivo della cooperativa Aurora, prima sospeso e poi in primo grado concluso con una sentenza a favore della cooperativa nell’agosto 2015. Fummo condannati al pagamento di 393mila euro 779 oltre a interessi moratori dalle singole scadenze al saldo effettivo, quindi dal 2007. E in più a 142mila 898 euro a titolo di risarcimento danni”.

Ma non avete pagato, giusto?

“Come commissario ho deciso di fare appello. E nel farlo, contestualmente ho chiesto la sospensione dell’esecutività della sentenza di primo grado. Richiesta a novembre accolta, ma la conferma in sede cautelare a gennaio non è arrivata, perché il fumus, la sostanza richiesta dalla parte, era superiore al periculum, il rischio di far crollare chi ricorre. A gennaio, la Corte di Appello di Ancona ha accolto la sospensiva solo limitatamente al risarcimento del danno”.

A questo punto che ha fatto?

“Con questa pronuncia, la sentenza di primo grado diventa esecutiva, anche se nel merito si discuterà a giugno. Quindi, nelle prossime settimane deliberò insieme al Bilancio un riconoscimento di un debito fuori bilancio di 400mila euro più gli interessi moratori. Da qui l’avvio della procedura per evitare lo squilibrio”.

@raffaelevitali 

I gioielli luccicano dalla Cina all'Italia: Brosway apre a Shangai e si lega a Coin

Espansione quindi, senza esitazione e senza perdere di vista Montegiorgio, dove prosegue il progetto di creazione di un’oasi naturale tra laboratori per le scuole, resort e cantina.

Brosway Coin


MONTEGIORGIO – Cina, mercato che non convince? Economia non stabile? Per molti ma non per Lanfranco Beleggia. Brosway dopo essere sbarcata a Pechino con un nuovo negozio, ha inaugurato il secondo flagship store a Shanghai, all'interno del centro commerciale Joy City Shopping Mall.
Lo spazio di 80mq è suddiviso nei due marchi dell'azienda, Brosway e Rosato, rappresentando così anche per quest'ultimo un importante tassello nella conquista del mercato cinese. L’azienda montegiorgese ha puntato su colori tenui e legni naturali, un alternare di bianco e frames dorati per accogliere i gioielli dei diversi brand, incluso Rosato.

Ma siccome il mercato non è solo fuori dalle Alpi, Brosway si dedica anche all’Italia. Ci crede Beleggia nella ripresa e i numeri lo premiano, perché i piccoli gioielli da lui prodotti piacciono, soprattutto ai giovani. Da qui la scelta di legarsi a una importante catena: Coin. All’interno delle gallerie di Milano, Roma e Genova ci sarà entro febbraio un corner marcato Bros Manifatture. Espansione quindi, senza esitazione e senza perdere di vista Montegiorgio, dove prosegue il progetto di creazione di un’oasi naturale tra laboratori per le scuole, resort e cantina.

Raffaele Vitali

Loriana Dichiara ha prelevato e poi è scomparsa. Si cerca la Fiat Punto targata AZ139SX

L’avvocatessa di Montegiorgio ha salutato la madre domenica dicendo che andava a farsi un aperitivo. Ma dall’amico non si è mai presentata. Il caso a Chi l'ha visto?

lorianadichiara


MONTEGIORGIO - Chi l’ha visto? il programma di Rai 3, si è collegato dalla piazza di Civitanova Marche alle 22.13 per parlare di Loriana Dichiara. “La famiglia ha chiesto il massimo riserbo”. Ed è vero, tanto che durante le prime 24 ore non era stata data neppure l’autorizzazione alla divulgazione del nome. Ora, però, dopo tre giorni, la preoccupazione cresce. È pur vero che due anni fa la donna si allontanò, volontariamente, per quasi una settimana.

La cosa strana è che la donna ha scelto di prelevare con il bancomat 50 euro in una piazza a lei molto cara, dove è ritratta in numerose fotografie.  Sempre in quella piazza ha gettato il suo cellulare, dentro una cassetta postale. E sono stati proprio i dipendenti delle poste a ritrovarlo lunedì mattina. L’avvocatessa vive a Montegiorgio con la madre. È uscita dicendo che sarebbe andata a Civitanova per un aperitivo con un amico. Ma lui non la vedrà mai. “Mi ha chiamato al telefono e ha spostato l’appuntamento” ha detto a Chi l’ha visto?. Da quel momento sono partite le ricerche che proseguono incessanti, anche con l’uso dei cani molecolari che sono stati portati a casa della donna per annusare i vestiti, in cerca della automobile, una Fiat Punto di colore marrone, rosso con graffi e alcune bozze. La targa è AZ 139 SX. Chi la vedesse può avvisare i carabinieri, chiamando il 112.

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Molotov contro i vigili di Fermo, il sindaco: "Chi sa, parli"

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.