08162018Gio
Last updateGio, 16 Ago 2018 5pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Rapina mortale a Montegiorgio, la Procura indaga per omicidio. Il racconto del figlio

mortemg

La casa, dopo che i militari della scientifica di Ascoli Piceno hanno terminato i rilievi è stata riaperta, in modo da permettere al figlio Marcello, l’unico che viveva con la madre, l’altro risiede in zona Girola, di rientrare.

MONTEGIORGIO – “Sono uscito poco dopo le 15, ementre verso le 19 è andato via mio zio. Sono andato a mangiare una pizza con un amico. Quando sono rientrato ho visto la camera tutta in disordine. Sono salito al piano di sopra, nella stanza di mia madre e l’ho vista a pancia sotto, immobile, con le mani e i piedi legati”. Erano le 22.40 quando Marcello Balestrini, figlio della signora Maria Biancucci, è rientrato. “In camera mia hanno rubato 350 euro, da mia madre non saprei. Devono essere entrati dalla finestra sul retro, era aperta”. Una immagine che non potrà più dimenticare.

Balestrini a quel punto non ha potuto fare altro che chiamare il 118 e poi i carabinieri di Montegiorgio. Zona isolata, non si ricordano colpi negli ultimi anni, e per questo nessuno avrebbe sentito nulla tra i vicini. I carabinieri sono arrivati in pochi minuti, questa mattina hanno riascoltato a lungo i racconti dei figli. Una rapina anomala, perché legare mani e piedi una signora di 79 anni, posizionandola tra l’altro a pancia sotto con il volto sul materasso, non è una prassi comune. E nel farlo, nessun segno di violenza visto che non sarebbero state trovate macchie di sangue. Non solo a rendere ancora più anomala la vicenda, è che è stato usato un nastro adesivo trovato in casa per legare la signora.

Cosa cercavano? Per quale motivo legare una signora anziana in quel modo? Tante domande a cui gli inquirenti stanno cercando di dare una risposta. Nel mentre la procura di Fermo ha aperto un fascicolo per omicidio. La casa, dopo che i militari della scientifica di Ascoli Piceno hanno terminato i rilievi è stata riaperta, in modo da permettere al figlio Marcello, l’unico che viveva con la madre, l’altro risiede in zona Girola, di rientrare. Si attende ora l’esito dell’autopsia, che farà chiarezza se non altro sulle ragioni del decesso, imputabile al momento a un arresto cardiaco o a un soffocamento.

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.