M.S.Pietrangeli, 400mila motivi per essere contenti. Casenove: "Da oggi ripartiamo con led e parco giochi"

mspfirma

Di fronte a questo quadro, Casenove, con la sua amministrazione che è un mix di freschezza propositiva ed esperienza, ha voluto incontrare i cittadini, dirglielo di persona guardandoli in viso mentre erano seduti nel teatro, tra le prime cose riaperte nel suo mandato.

MONTE SAN PIETRANGELI - “Non abbiamo fatto nulla di straordinario, abbiamo solo rimesso a posto un paese disastrato. Ci sono tantissime cose ancora da fare”. “Il nostro Comune è rimasto per troppo tempo immobile sotto tutti i punti di vista. Ha accumulando un ritardo che stiamo cercando di colmare”.

Due frasi che riassumono il piglio di Paolo Casenove, il sindaco di Monte San Pietrangeli che dopo avere vinto le elezioni è passato da liquidatore a rigeneratore. È il sindaco che è riuscito nell’impresa più complessa: transare e chiudere il maxi contenzioso sulla casa di riposo. È il sindaco che ha chiuso l’iter avviato dal commissario Francesco Martino, che fu l’uomo giusto al posto giusto per non far fallire il Comune prima dell’arrivo di Casenove. Ma fu anche il commissario del “a questo comune aspettano anni di lacrime e sangue”

Di fronte a questo quadro, Casenove, con la sua amministrazione che è un mix di freschezza propositiva ed esperienza, ha voluto incontrare i cittadini, dirglielo di persona guardandoli in viso mentre erano seduti nel teatro, tra le prime cose riaperte nel suo mandato. “A 18 mesi esatti dalla chiusura della campagna elettorale dove ci prendemmo pesanti impegni, ripartiamo grazie a due traguardi ragliati: il 15 dicembre la Sezione Regionale di Controllo della Corte dei Conti ha approvato l'uscita anticipata del nostro Comune dalla procedura di pre-dissesto con decorrenza dal 31/12/2017, e il 20 dicembre ho sottoscritto la transazione tombale con l'Avv. Vanessa Fedeli, liquidatrice della Cooperativa Aurora nominata dal Ministero dello Sviluppo Economico”.

Insomma ora non ci sono più fardelli per crescere, se non quelli classici da burocrazia e risorse da trovare. Un successo di squadra, con un plauso in più all’assessore Nico Fonti: “Abbiamo iniziato a lavorare a testa bassa sulla redazione del piano di riequilibrio e, più in generale, sulla revisione complessiva del bilancio con l'intento di recuperare risorse nel minor tempo possibile. E ci siamo riusciti”. A questo si è aggiunta la transazione: incontri, incontri e ancora incontri: “Ci sono state vicende alterne e più volte la chiusura, che sembrava a portata di mano, è invece sfumata. Poi, l’intesa: anziché 800mila euro, somma destinata a crescere per gli interessi, il pagamento di 400mila, già pagati.

E ora, avanti tutta con tre progetti certi: “L'installazione del primo stralcio della riqualificazione della illuminazione pubblica, con nuovi illuminatori a led di ultima generazione. L’obiettivo è di completare tutta la città in due anni; riqualificazione del parco giochi di Viale Marconi e delle "mure da sole" entro pochi mesi; ampliamento del cimitero”. Da oggi Casenove ha nuovi obiettivi, orizzonti più ampi e quindi non possono mancare i bambini: “Le nuove generazioni sono il nostro futuro e decisamente la priorità di questa Amministrazione, in tal senso posso garantire la massima attenzione e un impegno costante".

r.vit.