10182017Mer
Last updateMer, 18 Ott 2017 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Terremoto, nascono a Montefortino le ricette di Articolo 1: "Ridefinire il cratere e nuove procedure"

mdp mfortino

La proposta originale, dopo la promessa di Busilacchi di tenere il tema al centro della politica nazionale, arriva dalla Marrozzini.

MONTEFORTINO – L’Articolo è 1, ma le richieste e le soluzioni sono diverse. Il Movimento Democratico e Progressista ha scelto Montefortino, la terra di uno dei suoi iscritti più illustri, il indaco Domenico Ciaffaroni, per analizzare la situazione post sisma.

L’onorevole Lara Ricciatti si conferma vicina al territorio del sud delle Marche e lo fa con il neo consigliere regionale di Articolo 1, ex capogruppo Pd, giacomo Busilacchi, e con i coordinatori di Macerata, Ancona e Fermo, con Sonia Marrozzini. “Passare nel più breve tempo possibile dalla fase di emergenza alla fase della ricostruzione; ripensare una Governance diversa per progettare il futuro dei territori colpiti con istituzione di un tavolo più ampio (non solo la Regione da una parte ed i Sindaci dall’altra) per non perdere una fondamentale visione di insieme” spiegano.

Il sindaco Domenico Ciaffaroni ha detto una cosa semplice: “Se non riportiamo le persone, con cosa facciamo ripartire l’economia?”. Il primo cittadino ringrazia Errani, ma critica alcune scelte “non proprio felici operate dalla Regione come per esempio quella sul piano delle opere pubbliche”. La sua richiesta è di ridisegnare il cratere “con una mappatura del danno effettivo dovuto ai sismi per evitare il concreto rischio di disperdere le risorse invece di concentrarle sugli interventi realmente necessari”.

I numeri

Nel corso di quest’anno abbiamo affrontato 3 decreti, 34 ordinanze, visto 32.647 persone nelle Marche fuori dalla propria abitazione, Superate nelle Marche le 100mila tonnellate di macerie rimosse nelle aree colpite dal sisma: 49.739 tolte dalle strade (49,7%), 37.172 (37%) di materiale raccolto da edifici pubblici crollati e 14.824 da edifici privati (15%). Nella provincia di Macerata rimosse in totale 49.897 tonnellate: 15.857 da strade o per la messa in sicurezza di strade, 26.730 rimosse dagli edifici pubblici e per le aree private la quantità si aggira intorno alle 7.309. Nella provincia di Ascoli Piceno rimosse 51.574 tonnellate: 33.617 da strada, 10.441 da edifici pubblici (dato riferito principalmente ad Arquata del Tronto), mentre dalle aree private si è raggiunti quota 7.514. In particolare il materiale già lavorato ad Arquata del Tronto è di oltre 48 mila tonnellate. Per quanto riguarda l’area del cratere di Fermo già rimosse 263 tonnellate concentrate principalmente a Montefortino e Amandola. La conclusione delle operazioni di rimozione è prevista per la fine novembre, con un flusso giornaliero pari a 380 tonnellate per 33.314 tonnellate complessive.

Le proposte

La Ricciatti ha preso appunti e poi ha dettato la linea di lavoro: “Consegna di tutte le casette per la popolazione e dei moduli stalla per gli allevatori sprovvisti; nuova governance che individui chi fa cosa e attribuire le responsabilità di decisione e coordinamento; rilancio delle attività produttive anche con istituzione di una effettiva No tax area; urgenza e priorità per le scuole, visto che coloro che sono lungo la costa sono stati costretti ad iscrivere i propri figli presso plessi scolastici lontani dai luoghi di origine.

La proposta originale, dopo la promessa di Busilacchi di tenere il tema al centro della politica nazionale, arriva dalla Marrozzini: “Per evitare gli intoppi burocratici e il conflitto tra norme si dovrebbe quanto prima sviluppare una normativa base da utilizzare nel caso, ormai ricorrente in Italia, in cui le Istituzioni locali e nazionali si trovino a dover gestire situazioni critiche ed emergenziali quali quelle legate ad eventi tellurici, specificando le procedure, i centri di responsabilità, e anche le risorse cui attingere”.

 

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.