10182017Mer
Last updateMer, 18 Ott 2017 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

80mila grazie a Neri Marcorè: RisorgiMarche è stato un successo. "Bissiamo nel 2018"

cartelloneri

Residenti e turisti contagiati dall'idea di fare musica in un modo del tutto naturale, con artisti e pubblico insieme sui prati dei Monti Sibillini, alla luce del giorno, uniti dalla fatica di una camminata di alcuni chilometri volta al raggiungimento degli straordinari e suggestivi luoghi, spesso sconosciuti.

FERMO – Che dire se non ‘grazie’. Perché Neri Marcorè ha fatto centro con il festival Risorgimarche e lo ha fatto ancora di più quando ha annunciato che lo bisserà il prossimo anno. Perché non basta un mese, non basta questa estate, le Marche e i territori terremotati avranno bisogno per anni della vicinanza dell’Italia. E gli artisti che Neri Marcorè, attore di Porto Sant’Elpidio, è stato capace di coinvolgere sono stati di alta qualità.

“Aiutare la sua terra attraverso la musica, la valorizzazione del territorio e il coinvolgimento delle aziende locali” era lo slogan di RisorgiMarche che ha coinvolto 80 mila persone. Residenti e turisti contagiati dall'idea di fare musica in un modo del tutto naturale, con artisti e pubblico insieme sui prati dei Monti Sibillini, alla luce del giorno, uniti dalla fatica di una camminata di alcuni chilometri volta al raggiungimento degli straordinari e suggestivi luoghi, spesso sconosciuti. Nulla sarebbe stato possibile senza Tam Tutta un'Altra Musica e il suo ideatore e guida Giambattista Tofoni. È lui che ha messo in moto la macchina tecnica che ha permesso a Niccolò Fabi e Gnu Quartet, Malika Ayane, Daiana Lou, Ron, Enrico Ruggeri, Paola Turci, Bungaro, Samuele Bersani, Daniele Silvestri, Fiorella Mannoia con Luca Barbarossa, Brunori SAS, Max Gazzè e Francesco De Gregori di suonare in mezzo a prati, tra i monti, senza rinunciare alla propria capacità.

“RisorgiMarche è stata una cavalcata di gioia, entusiasmo, partecipazione. Con tutte queste emozioni, mentre ancora sui Sibillini riecheggiano le note degli ultimi concerti, mi sento già di dare l'appuntamento alla prossima edizione, perché abbiamo capito che questo movimento non può e non vuole fermarsi. Anche migliorando alcuni aspetti organizzativi. Grazie di cuore a tutti”. Per lui applausi infiniti ad ogni iniziativa, le Marche hanno ricambiato il suo amore con la partecipazione. Che ora deve diventare ricostruzione.

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.