10232017Lun
Last updateLun, 23 Ott 2017 1pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Cittadino onorario per 'generosità'. Montefortino incorona mister Nerogiardini

Enrico Bracalente 2

Dopo la stretta di mano la consegna delle chiavi, “grezze ma sincere”, della città. “Non lo conoscevo personalmente prima di oggi, eppure ha aiutato in silenzio la nostra popolazione, non ultimo con la donazione al Comune di un modernissimo scuolabus".

MONTEFORTINO – La prima cittadinanza onoraria di Montefortino va a Enrico Bracalente. Il sindaco Domenico Ciaffaroni, assieme al consiglio comunale, ha deciso di premiare la generosità dell’imprenditore calzaturiero. Mister Nerogiardini, dopo lo stop alla sua idea di costruire una chiesa di fronte all’Ambro per ridare vita alla zona, non ha rinunciato a investire una importante somma al comune per riprendersi dal sisma.

“Una giornata storica” l’ha definita il sindaco mentre stringeva la mano a Bracalente. “Si conferisce – è la motivazione – la cittadinanza all'imprenditore Enrico Bracalente per essere stato uno dei più attivi e stimati protagonisti della campagna di solidarietà che si è messa in moto verso Montefortino dopo il sisma del 24 agosto 2016".

Dopo la stretta di mano la consegna delle chiavi, “grezze ma sincere”, della città. “Non lo conoscevo personalmente prima di oggi, eppure ha aiutato in silenzio la nostra popolazione, non ultimo con la donazione al Comune di un modernissimo scuolabus che ci consentirà di servire al meglio i nostri studenti. Ha dimostrato con i fatti di essere un imprenditore illuminato e di tenere al suo territorio, visto il suo costante aiuto destinato alle fasce deboli della popolazione, ai giovani e alla cultura" ha proseguito il sindaco.

Bracalente non se l’aspettava questa decisione. È solito agire, in silenzio, con azioni a sostegno dei territori. Ma questa volta ha fatto qualcosa di più. “E’ la prima volta che mi viene conferita la cittadinanza onoraria. Il mio successo, come uomo e imprenditore, l'ho raggiunto anche grazie a questo territorio. Quindi è doveroso ricambiare con piccole azioni. Il terremoto che nei mesi di agosto e ottobre 2016 ha colpito in maniera pesante le Marche, ci ha sconvolto tutti. Io personalmente mi sono sentito in dovere, come feci nel 2009 a L'Aquila, di fare dei piccoli interventi in favore delle popolazioni terremotate. Avevamo deciso di finanziare la costruzione di una struttura polivalente al Santuario della Madonna dell'Ambro, ma questo non è stato possibile. Siamo rimasti comunque vicini a Montefortino e abbiamo donato lo scuolabus”.

Alla cerimonia hanno preso parte anche il sindaco di Telgate, piccolo comune in provincia di Bergamo e il comandante dei carabinieri Gianluca Giglio, due figure che son state molto vicine a Montefortino fin dai primi giorni dopo la scossa.

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.