09222017Ven
Last updateGio, 21 Set 2017 7pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Casenove, il sindaco dei miracoli: evita il default, riapre il teatro e abbassa la mensa

casenovemsp

Il piano finanziario di rientro per M.S.Pietrangeli era lunghissimo, dieci anni, ma le scelte dell’Amministrazione hanno accorciato i tempi. Una tra tante, la vendita di parte della partecipata a Steca energie che ha permesso l’incasso di 164mila euro.

di Raffaele Vitali

MONTE SAN PIETRANGELI – Un anno fa parlando di Monte San Pietrangeli la parola chiave era ‘default’. Perché il rischio che il Comune crollasse economicamente e finisse di nuovo nelle mani di un commissario era alto. Ma la fredda economia non aveva fatto i conti con Paolo Casenove, il sindaco imprenditore che come una formica ha iniziato a lavorare in silenzio, forte di una squadra compatta con qualche punta brillante. E così, un anno dopo, dentro il teatro riaperto con orgoglio, Casenove ha potuto presentare una Monte San Pietrangeli diversa. “E se solo fosse andata a segno la transazione oggi potremmo anche stappare una bottiglia di champagne”. La transazione è quella relativa alla causa sulla casa di riposo, che il Comune sta pagando giorno dopo giorno. Ma l’accordo è solo rinviato. Il piano finanziario di rientro era lunghissimo, dieci anni, ma le scelte dell’Amministrazione hanno accorciato i tempi. Una tra tante, la vendita di parte della partecipata a Steca energie che ha permesso l’incasso di 164mila euro.

E nel mentre, i piccoli miracoli. Uno è la ripresa dell’attività teatrale: Non c‘è comunità senza luogo di aggregazione” precisa il sindaco affiancato dagli assessori. E così, ecco che tornerà la stagione con compagnie locali e qualche nome di punta per favorire gli abbonamenti. In attesa dell’autunno, poi, serate all’insegna dell’opera. “È dura amministrare sapendo di dover sempre pensare al vecchio. Ma noi ci stiamo riuscendo tenendo anche lo sguardo verso avanti. I cittadini con noi sono pazienti, hanno capito il nostro sforzo quotidiano”.

Uno sforzo che dopo il teatro porta a un’altra importante decisione: “Da settembre abbassiamo la tariffa della mensa. Da 4 euro, il massimo, torniamo ai 3 euro pre manovra del commissario. Questo perché il piano di riequilibrio procede. È un calo del 25%, ma soprattutto p un segno verso le famiglie”. E non solo, perché da settembre la merenda ai bambini la paga il comune. “Piccoli segnali, ma danno fiducia”. Quella che Casenove sente attorno a sé e che gli fa superare anche i momenti difficili: “Non è facile coniugare il ruolo di sindaco con quello di imprenditore e di marito. Ma sento il sostegno attorno a me. Le difficoltà sono comuni dentro la mia squadra, ma è un gruppo di alta qualità nato prima delle elezioni”.

@raffaelevitali 

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.