09222017Ven
Last updateVen, 22 Set 2017 6pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Lavorano a Bruxelles, ma il cuore è a Montefortino. "Costruiremo un'aula multimediale per la scuola"

ciaffaroni

Il sindaco Ciaffaroni: “L'idea è nata da un nostro concittadino, anche se è nato ad Amandola, che lavora a Bruxelles: Pierpaolo Settembri. La nonna ha dedicato la sua vita all’insegnamento presso le scuole elementari".

di Raffaele Vitali

MONTEFORTINO – Un aiuto concreto arriva da Bruxelles per Montefortino, il comune in mezzo ai Sibillini ferito dal terremoto. “Il 12 maggio raccoglieremo fondi durante una serata in cui sarà protagonista Giorgio Montanini per allestire un’aula multimediale per la scuola elementare. Un aiuto piccolo ma concreto per dare più mezzi ad una scuola e ad un paese altrimenti a rischio spopolamento” commenta Pierpaolo Settembri a nome del team di Allez les Marche. Al suo fianco anche il corrispondente Sky Tg24 a Bruxelles, il tolentinate Roberto Tallei.

Sindaco Domenico Ciaffaroni, come è nata questa iniziativa?

“È nata da un nostro concittadino, anche se è nato ad Amandola, che lavora a Bruxelles: Pierpaolo Settembri. La nonna ha dedicato la sua vita all’insegnamento presso le scuole elementari. Una grande educatrice che ha lasciato il segno nei suoi anni di insegnamento. Andata in pensione ha dedicato 20 anni a fare l’assessore in Comune. Aveva l’impegno civico dentro di sé. È stato un esempio di come si possa amare un paese non suo, era una ascolana d’adozione, a tal punto da farsi seppellire a Montefortino”.

L’ha contattata Settembri?

“Mi ha chiamato al telefono dicendomi che insieme a tanti amici italiani che lavorano a Bruxelles voleva fare qualcosa di concreto per le popolazioni terremotate di Montefortino. E mi chiede di inviargli una idea progettuale per avviare una raccolta fondi”.

Da qui la scelta della scuola?

“Ho pensato a un’area informatica multimediale per i bambini del plesso scolastico di Montefortino. Sono 88 gli alunni iscritti e investiamo il 20% del nostro bilancio per le nuove generazioni”.

La scuola è operativa?

“Per fortuna sì. Il comune di Montefortino, quando accadde la tragedia di San Giuliano di Puglia partecipammo al bando del Governo dimessa in sicurezza delle scuole e venimmo finanziati. Quindi con 780mila euro vennero fatti i lavori di adeguamento sismico che hanno retto al terremoto attuale”.

In attesa di far ripartire il paese, punta sui giovani?

“Le scuole prima. Su questo concordo con il Governo, bisogna investire sui giovani”.

Parteciperete anche voi di Montefortino alla serata di Bruxelles con Giorgio Montanini?

“Sono giorni impegnativi. Idealmente saremo lì comunque e li ringraziamo fin da oggi. Se non ci saremo, saremo presenti in videoconferenza. Di certo andrò a ringraziarli di persona entro qualche mese. Come sto facendo con chiunque ci aiuta con le loro donazioni”.

@raffaelevitali 

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.