05252017Gio
Last updateMer, 24 Mag 2017 5pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

"Salviamo le bande storiche, salviamo il territorio". Da Santa Vittoria in Matenano il grido d'allarme

banda santa vittoria

La tutela del Territorio, per Valeriano Pettinelli, presidente dell'associazione, passa anche per la salvaguardia delle bande storiche.

di Chiara Morini

SANTA VITTORIA IN MATENANO – Far ripartire i territori e non svuotarli, servendosi della cultura e delle tradizioni storiche: è questo il pensiero di un cittadino, non uno qualunque, di Santa Vittoria in Matenano. Valeriano Pettinelli, questo il suo nome, non è solo un residente che ama con tutto se stesso il paese in cui vive, ma è anche presidente di un’associazione cui fa capo la banda comunale, una banda storica, le cui origini risalgono al 1853.

Già si conoscono le uscite della banda, il music camp estivo, e “Lu concertì”, complesso che fa musica folk. Tuttavia non è facile portare avanti tutte queste attività, sottolinea Pettinelli, “solo con le nostre forze e con l’aiuto prezioso che ci dà il comune e che, per questo, ringraziamo”. Il problema, precisa Pettinelli, “si comincia a sentire con la chiusura della Comunità Montana dei Sibillini, e poi si aggrava col terremoto prima e con i problemi della neve e del maltempo poi. La situazione ambientale, logistica, sanitaria e delle scuole non è delle migliori”. Se a questo si aggiunge anche che recentemente molte persone sono andate via dal paese e da quelli vicini, il futuro della grande tradizione musicale di Santa Vittoria, non è dei più rosei.

“La nostra scuola musicale – prosegue Pettinelli – serve i paesi vicini, e forma nuove leve, senza le quali la banda è destinata a morire. La nostra realtà formativa è l’unica nel territorio montano della provincia. Ci terrei a ringraziare anche il nostro mecenate Euro Vecchiola e tutti gli altri che ci aiutano e che ci permettono di sopravvivere”. Beninteso che i ringraziamenti di Pettinelli vanno ai privati, non ai politici, con i quali però è in contatto. “Abbiamo parlato con il consigliere regionale Giacinti che ci ha manifestato l’intenzione di fare qualcosa – precisa Pettinelli – e abbiamo interpellato anche la senatrice Fortuna, che vorrebbe promuovere un intervento legislativo. Serve che i politici facciano qualcosa, la tutela del territorio passa anche attraverso la tutela delle bande storiche”. Quest’anno, al camp estivo, Santa Vittoria ospiterà allievi da Fermo e da Malta, precisamente da Mqabba, la città gemellata col piccolo comune montano. “Non solo – conclude Pettinelli – la zona di Macerata ci ha chiesto di ospitare i suoi studenti, ma non so quanto sarà possibile, più di 70 persone per volta non si riesce. Se i politici danno una mano, non lo fanno per me, ma per le persone, per il territorio che rappresentano”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Loira ricorda il carabiniere Beni

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.