12112017Lun
Last updateLun, 11 Dic 2017 5pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Servigliano, il fango del giorno dopo. Il sindaco in Regione: "Serve intervento strutturale"

fotoservifango

Per evitare che disastri come quello successo ieri (e due anni fa), è necessario risolvere il problema alla radice, intervenendo con la messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico.

SERVIGLIANO – Servigliano sta cercando di tornare lentamente alla normalità, dopo che ieri pomeriggio è stata colpita dalla tracimazione del fosso Chiarmonte.

Il paese è ancora pieno di mezzi impegnati nei lavori di ripulitura dal fango che ha allagato i locali delle abitazioni e delle unità produttive ed artigianali. Volontari e aziende stanno collaborando per cercare di riportare tutto alla completa normalità il più presto possibile e poi si procederà alla conta dei danni.

Per evitare che disastri come quello successo ieri (e due anni fa), è necessario risolvere il problema alla radice, intervenendo con la messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico. “A questo proposito – ribadisce il sindaco Marco Rotoni, da ieri impegnato in mezzo al fango con i suoi concittadini – domani saremo in Regione per un incontro urgente al fine di reperire le risorse e trovare una soluzione. Da soli non riusciamo, serve lo sforzo degli enti superiori. Siamo certi che ad Ancona sapranno capire l’urgenza”.

Chiara Morini

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.