Crescono i turisti stranieri, serve una vera accoglienza. Marinangeli: "Corso d'inglese per i commercianti di Amandola"

amandola2

Il primo cittadino ha coinvolto la neo associazione ‘Open’, presieduta dal fotografo Giorgio Tassi, direttore del Polo Museale, che ha messo a disposizione l’insegnante di lingua Kristina Buric.

AMANDOLA – Questo significa investire sul turismo. Una delle componenti fondamentali per una città è l’accoglienza. Non sempre la bellezza basta, perché quella potrebbe svanire in poche ore, ma la capacità di accoglienza, di far sentire il turista ben accolto diventa il fattore chiave per affermarsi sul mercato. E siccome uno dei grandi gap che città e attori principali, negozianti e guide, vivono è l’inglese, ecco che il Comune di Amandola cambia marcia.

“Start!” urla il sindaco Adolfo Marinangeli. Che inizi il primo corso di inglese per commercianti e pubblici esercizi promosso dall'associazione Apo (Associazione Promozione Open) con il patrocinio del Comune. “Un corso di inglese finalizzato ad acquisire le nozione base per accogliere i tanti turisti stranieri che vengono ad Amandola” spiega il primo cittadino che ha coinvolto la neo associazione ‘Open’, presieduta dal fotografo Giorgio Tassi, direttore del Polo Museale, che ha messo a disposizione l’insegnante di lingua Kristina Buric.

Lezioni di base, nell’aula studio della biblioteca comunale attrezzata con wi-fi e lavagna, che i turisti inglesi e del nord Europa, numerosi e costanti, apprezzeranno mentre ammirano le bellezze architettoniche e paesaggistiche. Il corso, iniziato da una settimana, è ancora aperto, basta rivolgersi all’ufficio turistico di Amandola.

r.vit.