San Ruffino, il lago magico dove volano le vele...e vince Amandola. Castori: "Tutto perfetto"

velisti boa
PREMIAZIONEruffino
velegruppo

I velisti si sono persi tra i musei della montagna, “ci hanno chiesto di aumentare le destinazioni culturali”, e le cucine dei locali della zona. Ma è il lago ad avere ancora una volta superato l’esame. E si pensa alla prossima edizione.

AMANDOLA – Che meraviglia navigare in mezzo alla neve. Certo, è stata dura, qualcuno si è ritirato, ma è stato emozionante”. Il commento di uno dei velisti è il miglior biglietto da visita per una manifestazione che ha portato il mare in montagna.

“Avevo programmato tutto per la pioggia e la neve. Abbiamo anticipato ogni problema ed è stato un successo” Stefano Castori è entusiasta. La cena con 120 persone a Smerillo alle Logge dedicata ai 150 di Strampelli è stata la chicca che ah conquistato equipaggi e ospiti. “Filiera corta, con le vecchie massaie che hanno spiegato passo passo come realizzare i piatti, come gli gnocchi ‘ncotti’. Potevamo dare di più? Difficile”.

In acqua sono scese meno imbarcazioni del solito, con il vento che ha superato i 20 nodi, ma chi ha osato si è trovato come in mezzo al mare: un sogno. Alla fine, tre categorie, la gara Snipe valida come tappa del campionato italiano, diversi vincitori con le barche abbinate a una delle città organizzatrici. “E per la prima volta a trionfare è stata Amandola per la gioia del sindaco Adolfo Marinangeli” prosegue Castori.

I velisti si sono persi tra i musei della montagna, “ci hanno chiesto di aumentare le destinazioni culturali”, e le cucine dei locali della zona. Ma è il lago ad avere ancora una volta superato l’esame. E si pensa alla prossima edizione: “Anticiperemo di qualche giorno, 22-23 aprile, sperando che il sole torni protagonista. Anche se navigare tra le montagne innevate è lo spettacolo naturale che attira appassionati ed esperti velisti. Le acque calme ci permetteranno di coinvolgere, come avremmo voluto, i più piccoli”.

Si attende ora la consegna dei lavori per il primo concorso di cortometraggi. “Tutto si può migliorare, ma partendo da una due giorni come questa sono fiducioso” conclude Stefano Castori ringraziando la collega Anna Mariani e gli sponsor che hanno permesso tutto questo.