Vele di San Ruffino, buona la prima. Le barche pronte per un 25 aprile spettacolare

veleruffino

Se proprio la pioggia dovesse dare troppo fastidio, ci sono gli appuntamenti collaterali con le visite ai musei di Montefalcone, Penna San Giovanni, Monte San Martino, Smerillo e Amandola.

SAN RUFFINO – Prima giornata dal sapore straniero a San Ruffino, inglesi e olandesi ad ammirare le barche. La due giorni con le Vele di San Ruffino si è aperta tra pioggia, sole e nebbia. “Le regate si svolgono sempre, tutte le categorie sono pronte, dalla Snipe alla Fd e Fj. E così – spiega l’organizzatore Stefano Castori – non si è fermato neppure il concerto di campane che ha coinvolto tutta la vallata”. Se proprio la pioggia dovesse dare troppo fastidio, ci sono gli appuntamenti collaterali con le visite ai musei di Montefalcone, Penna San Giovanni, Monte San Martino, Smerillo e Amandola. Con la ‘capitale dei Sibillini’ coinvolta anche con concerti e mercatini.

La gara di San Ruffino coinvolge anche barche storiche. Le categorie sono tre, ma in via promozionale scenderanno anche i bambini in acqua. “Più gommoni, più attrezzature, più sicurezza nella nostra organizzazione. Il lago e il turismo si vivono anche cosi” ribadisce Castori ricordando che anche domani c’è solo una strada da imboccare: quella che porta allo splendido lago che piace ai velisti e conquista i turisti con i suoi angoli unici e magici che abbiano l’acqua ai mondi ancora leggermente innevati. Per ogni dettaglio www.leveledisanruffino.it Domani alle ore 10 partono il percorso enogastronomico e i laboratori, 10.30 briefing per capire come funziona la navigazione sul lago, 13.30 il via alle regate per un pomeriggio ricco di emozioni sorseggiando una birra dei giovani produttori di Santa vittoria in Matenano.