Non solo bello, Farnesi detta il futuro a Servigliano: Puntate sugli americani, avete vino e storia

farnesibandiere

La gara alfieri e musici storici del Torneo Cavalleresco di Castel Clementino è stata dedicata a Emily Cotton e ad Alessandro Sirocchi, prematuramente scomparsi.

SERVIGLIANO – Bello è bello, la voce è di quelle che non puoi dimenticare, l’abito era perfetto: Roberto farnesi ha lasciato il segno nella notte di Servigliano. Ma non è stata solo una comparsata per dire “una cittadinanza fervente e viva di passione per la propria terra, un Torneo sentitissimo, si sente l’orgoglio di chi vi prende parte”, perché Farnesi, che il mondo lo gira, ha dato un consiglio: “Promuovete di più la vostra bellezza. Penso agli americani, impazzirebbero tra colline, buon vino e storia. Ma dovete farvi conoscere”. Eh già, la promozione. E dire che Servigliano è, uno dei comuni da questo punto di vista più dinamici e che investe di più nella sua rievocazione storica, che infatti ogni anno è sempre più attraente per i turisti. Che rimangono conquistati dalla piazza adornata nei gironi precedenti, dalla cura dei dettagli del mercatino storico e dallo spettacolo che sono in grado di mettere in scena gli sbandieratori, co Porta Navarra salita quest’anno sul tetto dei più bravi.

La gara alfieri e musici storici del Torneo Cavalleresco di Castel Clementino è stata dedicata a Emily Cotton e ad Alessandro Sirocchi, prematuramente scomparsi. “Dopo mesi di prove avranno solo una manciata di minuti per stupire i giudici e tutta la piazza. Curano in modo certosino ogni lancio e ogni rullata per regalare a questa Piazza gremita emozioni che rimangono indelebili” ha commentato il sindaco Marco Rotoni nel suo splendido abito di velluto. Alla fine, Porta Navarra non ha avuto rivali e si porta via l’ambito trofeo. “Sono rimasto affascinato da questa terra, dalle colline fino ai monti: paesaggi naturali mozzafiato interrotti solo da splendidi borghi e rocche. Ne parlerò con tutti” se ne va dicendo l’abate di Farfa, alias Roberto Farnesi dimostrando che ancora una volta Maurizio Marinozzi, il vero regista del Torneo, h fatto centro, come sognano id fare i cavalieri domenica pomeriggio quando tutti si sposterà nell’otto di gara.