07162019Mar
Last updateMar, 16 Lug 2019 12pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

La speranza raccontata da chi ogni giorno la rende reale: a Monsampietro Morico si parla e si pensa

gualtiecani

Gualtieri e Canigola: Ci siamo dati due obiettivi: ringraziare tutti coloro che all’indomani dell’evento sismico ci sono stati vicini con il loro lavoro e far capire ai ragazzi che i problemi e le difficoltà della vita possono essere superati.

MONSAMPIETRO MORICO – Storie di successo per mandare messaggi postivi. Domani alle 10,30 a Monsampietro Morico si parlerà della ‘Speranza oltre ogni confine’. Il Tamarindo tornerà di novo il cuore pulsante della cittadina che dopo il sisma passo dopo passo sta rialzando la testa, anche grazie alla tenacia del suo sindaco Romina Gualtieri. Sarà proprio lei ad aprire la strada a Sauro Longhi, rettore della Politecnica di Ancona, Moira Canigola, presidente della Provincia, monsignor Mario Lusek, per anni direttore dell’Ufficio sport, turismo e tempo libero della Cei, e Gianfranco Paglia, medaglia d’oro al valore militare e capitano del gruppo sportivo paraolimpico del ministero della Difesa.

“In sala ci saranno le scuole della Provincia. Ci siamo dati con la Canigola due obiettivi: ringraziare tutti coloro che all’indomani dell’evento sismico ci sono stati vicini con il loro lavoro anche di sorveglianza della zona rossa, testimoniando la presenza dello Stato, e far capire ai ragazzi che i problemi e le difficoltà della vita possono essere superati”. Un messaggio che Monsampietro vive ogni giorno da oltre due anni, ma che si può rafforzare, partendo dai tanti vigili del fuoco che ogni giorno i residenti hanno visto in azione, quelli che per ognuno di loro sono diventati come angeli. “I racconti del vissuto dei relatori – aggiunge la Gualtieri - permetteranno ai tanti ragazzi presenti di capire che la responsabilità e l’impegno di ciascuno di noi ci permette di avere un futuro migliore e di affrontare le sfide di ogni giorno che la vita ci presenta”.

La Provincia ha detto subito sì a una mattina che vuole dire grazie in primis a Esercito Italiano, Aereonautica Militare, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza. “Giusto riflettere su un tema delicato come la speranza, motore che permette ai giovani, alle donne, a noi amministratori e a tutti i cittadini di affrontare le difficoltà che si vengono a presentare giorno dopo giorno e a superarle con successo. Progetti come questo ci permettono di far comprendere che il concetto di speranza non è astratto e che possiamo costruire grazie ad essa un futuro migliore”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.