04242019Mer
Last updateMer, 24 Apr 2019 8pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

La burocrazia blocca Rapagnano: niente recupero di palazzo Picchi e il tetto crolla

picchi5

Il sindaco Ceroni: “Per muoverci abbiamo partecipato al bando Seimila campanili. Peccato che quel bando avesse un criterio folle: il primo che cliccava su internet alle 9 del mattino sarebbe stato finanziato”.

RAPAGNANO - Palazzo Picchi, nel cuore di Rapagnano, è uno dei simboli della burocrazia che abbatte tutto, quasi quanto il terremoto. Ricco di affreschi, del comune dopo che è morto l’ultimo dei proprietari, lo storico palazzo sarebbe al centro di un paino di recupero del sindaco Remigio Ceroni. C’è un progetto validato dalla Sovrintendenza fermo in un cassetto per il suo recupero. “Per muoverci abbiamo partecipato al bando Seimila campanili, promosso dall'Anci e dal minsitro Lupi. Peccato che quel bando avesse un criterio folle: il primo che cliccava su internet alle 9 del mattino sarebbe stato finanziato”. È a quel punto, una volta rimasto fuori dai vincitori, che Ceroni ha iniziato la sua battaglia contro il sistema: “Non ci si rende conto che la scriminante non fosse la velocità, ma la connessione del paese. C’erano allegati da inviare, ed erano pesanti. Molto semplicemente io ci metto 6 minuti, uno di Milano 30 secondi”. È scattato il ricorso e Rapagnano lo ha vinto perché il Tar ha bocciato il click day. Non inficiando tutta la graduatoria, ma dicendo che Rapagnano dovesse essere ammesso al finanziamento. “Ma niente, qui è arrivato il paradosso: il ricorso al Consiglio di Stato da parte del Ministero. E così tutto si è bloccato”.

A quel punto, era il 2014, Rapagnano ha atteso la sentenza mai arrivata. Mentre è arrivato il sisma che ha peggiorato la situazione, considerando che Palazzo Picchi è anche quello dove domina la terza torre civica rimasta a Rapagnano. “MI ha chiamato il proprietario del palazzo vicino e mi ha detto che è crollato un altro pezzo di tetto. Si può andare avanti così? E noi siamo bloccati fino alla sentenza, non ho potuto fare altro che recintarlo per garantire la sicurezza”: deve attendere quindi Rapagnano il suo palazzo della cultura, dove posizionare oltre 40mial libri e le associazioni. “E dire che basterebbe un milione di euro. Ma la burocrazia…”.

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Ponte di Rubbianello: cinque anni di nulla dopo il crollo

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.