09242017Dom
Last updateSab, 23 Set 2017 8pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Per Dalla era "quel gran figlio di puttana", per la Pieragostini è un libro: Ricky Portera e la sua chitarra

PORTERA 21
PORTERA 22
paolapieragostini

Domenica alle 17 la presentazione del libro scritto dalla giornalista di Petritoli al teatro dell'Iride.

di Raffaele Vitali

PETRITOLI - Se vi capiterà, sedetevi a bere un bicchiere di vino rosso con Paola Pieragostini. perché è così che assaporerete ogni pagina dell’intenso libro che la giornalista del Resto del Carlino ha scritto assieme a Ricky Portera. Pagina dopo pagina, racchiuse in una copertina fumo di Londra con una immagine di Portera a testa bassa pronto a scattare verso il lettore per raccontarsi, non c’è solo la vita di uno dei più grandi chitarristi italiani viventi, ma c’è un mondo. Fatto di canzoni, di viaggi, di incontri, di momenti difficili, di amori e di litigi, di allontanamenti che solo le corde di una chitarra possono riuscire a superare.

Non era facile racchiuderle in 270 pagine, ma Paola Pieragostini ci è riuscita. “Ricky Portera in quest’opera si svela attraverso un susseguirsi di aneddoti e racconti in grado di far commuovere, far sorridere e soprattutto stimolare la capacità comune del ‘forte sentire’ di ogni persona” riassume l’autrice nelal quarta di copertina. Edito dalla prestigiosa Armando Curcio Editore, il libro di Portera debutta in pubblico con uno show di parole e musica in cui il chitarrista salirà sul palco, alternandosi a un quartetto d’archi, ripercorrendo i suoi capolavori, partendo ovviamente dai 30 anni al fianco di Lucio Dalla. “Tutto iniziò con un mio amico che mi dice: ‘Dalla cerca un chitarrista. Ti aspetta mercoledì in un locale, il 5 Stelle’. Io – racconta Portera nel libro – ero iscritto a Medicina, quel giorno andai all’appuntamento e Lucio, senza esitare, mi dice: ‘Ti aspetto domani alle tre a casa mia, facciamo le prove’. Il giorno dopo le prove eravamo già insieme sul palco”. Era il 1977 e quelle prime note sono diventate la base di una grande rapporto. Pezzo dopo pezzo, fino allo splendido assolo nella canzone Ayrton che ha fatto di Portera un punto di riferimento della musica nazionale e internazionale.

Chi domenica alle 17 troverà un posto all’interno del teatro gioiello di Petritoli entrerà in un mondo affascinante che l’autrice assieme al protagonista ha riassunto nel titolo del libro: “Ci sono cose che non posso dire. Storia di vita di Ricky Portera”. Un pomeriggio di musica, parole e voce, quella di Portera. “Questo libro non è una semplice biografia, risponde a pieno titolo allo stile letterario di un romanzo biografico – afferma Cristina Siciliano, vice presidente del Gruppo Armando Curcio Editore – Una connotazione data dalla scelta di non raccontare solo i successi del musicista ma di svelare l'intensità emotiva con cui Portera ha interpretato e interpreta il suo tempo”. Lui, il "grande figlio di puttana" di Lucio Dalla, viene raccontato come uomo ancor prima che artista. “Tanti gli aspetti affascinanti dell'opera – conclude – tra cui un grande omaggio a Lucio Dalla che viene ritratto da Portera in un inedito volto umano costruito sui ricordi di un lungo percorso di vita condivisa per 33 anni, durante i quali i due professionisti della musica, si sono dati l'uno all'altro in uno scambio di identità umane ed artistiche diverse e complementari”.

Petritoli è stata scelta in onore di Paola Pieragostini, l’autrice: “Quando si è presentata la possibilità di avere ospite sul palco dell'Iride il grande e poliedrico artista – sottolinea il sindaco di Petritoli Luca Pezzani – non abbiamo esitato. È il coronamento di una grande stagione teatrale per il nostro palco”.

Portera è schivo, ma ha creduto nella Pieragostini: “UN romanzo letterario che è riuscito a comprendere e a far suo il mio pensiero, che era quello di non fare una “cronaca” di aneddoti di vita ma condividere attraverso le parole, le emozioni da cui prendono respiro il mio modo di esprimermi in musica così come nell'affrontare i giorni della vita stessa”.

Per chi ci sarà, appuntamento a Petritoli, per tutti in libreria con “una storia di vita affascinante e coinvolgente, che sono certa, valga davvero la pena di essere letta” conclude l’autrice.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.