04302017Dom
Last updateSab, 29 Apr 2017 9pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

"Un giovane tra i giovani. Ciao Guido e forza Roma". L'addio di Pedaso a Monaldi, il sindaco della cultura

monaldifunerale

“Eri un intellettuale convinto che la cultura non è per l’élite. E hai fatto di Pedaso un luogo migliore” conclude la Toce lasciando alla famiglia le note di Bertoli e il messaggio del figlio di Pierangelo Bertoli.

PEDASO – “Buon viaggio e forza Roma”. Pedaso saluta il sindaco della cultura, del sociale, dell’attenzione agli ultimi, delle battute, dei brindisi, delle parole di conforto, dell’amore per la musica, del rilancio. Pedaso, nella gremita – anche di politici - chiesa di San Pietro, ha dato il suo addio a Guido Monaldi. Lo ha fatto ascoltando le persone a lui più vicine, dalla figlia al fratello, che con toccanti parole uscite tra le lacrime, l’hanno fatto sentire a tutti un po’ più vicino. E lo ha fatto ascoltando Andrea Ripani, straordinario chitarrista che dall’angolo della chiesa ha cantato due brani di De André, il cantautore più amato, quello che dal 2013 troneggia sul lungomare che Monaldi ha voluto per la sua Pedaso. Che poi non era il solo amore, perché mezzo cuore era per Petritoli, come hanno ricordato in una lunga lettera gli amici. Lui era così, mare e collina, compagno idealista e battagliero amministratore.

“Eri un intellettuale convinto che la cultura non è per l’élite. E hai fatto di Pedaso un luogo migliore” conclude la Toce lasciando alla famiglia le note di Bertoli e il messaggio del figlio di Pierangelo Bertoli: “Mi chiamava e le prime cose che diceva erano: ‘Buongiorno caro amico, qui è l’ultimo sindaco comunista d’Italia che ti parla’. Credeva nella musica, nelle canzoni, nei messaggi che queste portano con loro negli anni. E credeva in me, a volte più di quanto lo abbia fatto io. Ma il mio pensiero va alla moglie e alle figlie che da oggi avranno un vuoto fisico enorme. A loro chiedo di rivolgersi alla grande pienezza che gli ha lasciato nell’anima”. Magari ripensando alle sue risate, alle sue battute, al suo esserci sempre, convinto di essere un giovane tra i giovani. E forse per questo diverso da tutti gli altri politici. 

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fermana, invasione di gioia in sala stampa

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.