09222019Dom
Last updateSab, 21 Set 2019 6pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Due famiglie unite dalla voglia di rinascita. Amatrice chiama, Campofilone risponde. Nuovo pastificio Marcozzi per dimenticare il sisma

marcozziamatrice

Taglio del nastro affidato al premier Giuseppe Conte. Il progetto, partito prima del terremoto, affidato alle famiglie Leoncini e Marcozzi.

di Raffaele Vitali

CAMPOFILONE – Per un progetto vincente servono i più bravi e quando si parla di pasta non si può che partire da Campofilone. Poi, insieme alle mani dei dipendenti del pastificio Marcozzi si arriva ad Amatrice, la città devastata dal sisma che sta risorgendo grazie alle imprese.

E così non può stupire che domani, in uno scaramantico venerdì 13, a tagliare il nastro del nuovo pastificio sarà il premier Giuseppe Conte: il messaggio è forte, c’è chi crede ancora nel centro Italia. Conte aveva promesso di visitare le terre colpite dal sisma come prima cosa dopo l’elezione. E così farà, visto che da Amatrice si recherà poi a Castelsantangelo sul Nera, il paesino del maceratese raso al suolo dal terremoto. E qui lo attenderanno il presidente della regione Marche Luca Ceriscioli e quello dell’Anci Marche Maurizio Mangialardi per chiedere lo snellimento burocratico che faccia davvero rinascere i territori.

Ad aprire il nuovo pastificio Strambelli, il progetto era partito prima del sisma, sono due famiglie: la Leoncini si è occupata a della parte strutturale, la Marcozzi con Gabriele, Barbara e Attilio è invece il cuore della parte produttiva. Sono già una decina i dipendenti che aspettano solo il taglio del nastro per dare il via alla produzione. Marcozzi è una delle aziende di punta della zona dei maccheroncini e ha subito accettato la sfida del pastificio più alto d’Italia, visto che sorge a mille metri in località Collegentilesco. 

Un produzione con semole di soli grani 100% italiani miscelati con l’acqua purissima delle vicine sorgenti del Monte Pizzuto e del Monte Velino, per una produzione artigianale di alta qualità, che ha già ricevuto la De.Co. (Denominazione Comunale), dal Comune di Amatrice che ne ha garantito gli ingredienti e l’origine locale del prodotto, che tra l’altro è certificato bio.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.