I sommelier incoronano cinque vini bio. E il Biofestival rilancia: un concorso sull'olio

BIOFESTIVALCONCLUSIONE006

Promossi i convegni, da quello sul vino a quello ‘Dal campo alla tavola’. “Ma non ci accontentiamo".

MARINA DI ALTIDONA – Il miglior vino bio? In realtà sono 5 e a sceglierli sono stati i sommelier di Ais Marche guidati da Stefano Isidori: per i bianchi Saggiolo Offida Pecorino docg della cantina Santa Liberata di Giorgio Savini; per i rossi Acquaviva Maancrie 2012 Offida Rosso Docg azienda agricola Bonaventura; per i rosati San Michele a Ripa Rosé 2018; per gli spumanti Bruscia Conte Giulio 24 M vincitore concorso Bio Wine Nazionale; per i vini da fuori regione Orcia San Giovese della Val d'Orcia Terre Senesi di Castiglione d'Orcia Ripario.

Cinque vini che alla fine di un festival sul biologico che ha fatto il sold out ogni sera. Promossa la location di Marina di Altidona che il sindaco Giuliana Porrà ha messo a disposizione di Aiab Marche e delle aziende che hanno partecipato numerose. Promossi i convegni, da quello sul vino a quello ‘Dal campo alla tavola’. “Ma non ci accontentiamo – ribadiscono i vertici Aiab – perché dopo il Bio Wine Marche 2019 pensiamo al concorso dedicato all'Olio Extra Vergine di oliva marchigiano, come richiesto dai tanti produttori oleari”.