10212019Lun
Last updateLun, 21 Ott 2019 7am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Sua maestà la cozza: Pedaso cambia volto tra sugo, musica e ricette segrete

cozzeboss2

La sagra ogni anno coinvolge almeno 150 volontari, impegnati tra cucina e tavoli in mondo da rendere indimenticabili i 120 quintali di cozze cucinati, che si sommano ai 15 quintali di spaghetti e ai 25 di sugo.

PEDASO – Non chiedetevi cosa state mangiando, gustatevi il suo sapore unico e inimitabile. La Sagra delle Cozze di Pedaso, uno dei momenti più importanti della provincia e delle Marche, da questa sera fino al 15 agosto trasformerà la cittadina gioiello della costa nel regno della cozza.

Buon cibo e tanta musica. “Al centro della festa naturalmente ci saranno le gustosissime cozze, accompagnate dagli spaghetti alla marinara, per un menù invariato negli anni che tuttavia non smette di attirare i buongustai” commenta il presidente della Pro Loco, il vero motore della festa, Giuseppe Marconi.

“L’emozione è sempre al massimo, anno dopo anno nulla è mai uguale per cui è normale vivere tutto con un po’ di tensione. Una grande festa che coinvolge tutto quanto il nostro piccolo paese, sono felice di questo spirito collaborativo che coinvolge tutti i volontari” prosegue Marconi che ha al suo fianco l’amministrazione guidata dal sindaco Vincenzo Berdini.

La sagra ogni anno coinvolge almeno 150 volontari, impegnati tra cucina e tavoli in mondo da rendere indimenticabili i 120 quintali di cozze cucinati, che si sommano ai 15 quintali di spaghetti e ai 25 di sugo. “Le ricette del guazzetto delle cozze e del sugo alla marinara si tramandano da decenni mantenendo lo stesso gusto e la stessa qualità. Una ricetta fatta di amore per i nostri prodotti, di eccellenza con attenzione alle nostre tradizioni” ribadisce Marconi.

Provare per credere, cominciando da questa sera con la musica dei ‘Mascalzoni Latini’, poi domani la ‘Direzione Italiana’ le migliori cover di musica: il palco sarà come sempre sul viale della Repubblica. Questo in attesa del 14 agosto, quando va in scena ‘Aspettando l’alba’ con centinaia di persone che attendono il sorgere del sole tra le note musicali. Per vivere al meglio il momento ci sarà il gruppo ‘Settesotto’ che farà viaggiare i sognatori tra le musiche di ogni tempo. Gran chiusura poi il giorno di Ferragosto con il ritmo coinvolgente della Pizzica, tra canti d'amore, storie di briganti, stornelli e serenate utilizzando strumenti tipici della tradizione come organetti, fisarmonica, chitarra battente, tamburi a cornice e con l'aggiunta di sonorità più contaminate grazie a strumenti appartenenti a culture musicali diverse come il berimbau, la darbuka, il bouzouki, ed il cajon.

r.vit.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

L'Europa finanzia un centro ricerche sui Sibillini

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.