07242019Mer
Last updateMar, 23 Lug 2019 3pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Hanami, il profumo del Giappone invade Pedaso tra migliaia di ciliegi in fiore

pedasohanami

Ed è proprio dall'esigenza di migliorarsi e portare a Pedaso ogni anno un pezzo in più di Giappone, che è nata l'associazione Sakura, guidata Paolo Concetti, Carlo Bruti e Luigi Bruti, patron della Contea dei Ciliegi.

di Chiara Fermani

PEDASO - È primavera, è l'ora dell'Hanami. Un rito che ha radici millenarie in Giappone e che ormai, dalla sua prima fortunata edizione nel 2012, rivive ogni primavera a Pedaso, questa volta domenica 7 aprile, in un angolo di paradiso dal sapore nipponico: la “Contea dei Ciliegi”.

Un evento cresciuto di anno in anno e che ad ogni edizione richiama migliaia di visitatori da tutte le Marche e non solo, perché ormai l'Hanami Pedaso è diventato l'evento che segna l'inizio della primavera marchigiana, l'evento di cui tutti parlano, l'evento che segue e rispetta i ritmi della natura, l'evento al quale bisogna partecipare almeno una volta, perché riempirsi gli occhi e l'anima di bellezza per un giorno, vale sempre la pena. E il merito di questo va a chi ha pensato e ha fatto crescere questa manifestazione, unica nel suo genere, meritando anche il prestigioso patrocinio dell'Ambasciata del Giappone in Italia, oltre che della Regione Marche e dei Comuni e le Pro Loco di Pedaso e Campofilone.

Ed è proprio dall'esigenza di migliorarsi e portare a Pedaso ogni anno un pezzo in più di Giappone, che è nata l'associazione Sakura, guidata Paolo Concetti, Carlo Bruti e Luigi Bruti, patron della Contea dei Ciliegi, un resort vacanze che si affaccia sul mare adriatico e che per questo giorno apre le porte a tutti coloro che vogliono godere dei colori e della bellezza di circa 2500 alberi di ciliegio in fiore. Perché l'essenza dell'Hanami è proprio questa, la contemplazione della fioritura dei ciliegi. Viste le 10mila presenze ed oltre della scorsa edizione, quest'anno un'attenzione maggiore verrà data alla sicurezza di tutti i visitatori, che potranno accedere all'evento pagando un biglietto di 2 euro.

Dalle 10 di domenica mattina, fino al tramonto, che da quella collina è uno spettacolo mozzafiato, si potrà respirare il sol levante in ogni angolo di questa tenuta di 80mila metri quadrati: gli spettacoli, le attività, il cibo, i prodotti tipici, tutto è studiato nei minimi particolari per farvi immergere in una cultura tanto diversa da noi, quanto affascinante.

L'apertura, alle 11, sarà scandita dal suono dei tamburi Taiko “Munedaiko”e dal taglio del nastro con l'Ambasciata del Giappone e dalle 12:00 saranno aperti gli stand gastronomici ai quali si potrà accedere dopo aver acquistato i biglietti “Sakura” alle casse. Sushi, ramen, noodles e dorayaki non possono mancare, ma anche i palati più tradizionali saranno soddisfatti con i piatti tipici della nostra cucina, preparati dai ristoranti della zona che hanno aderito all'iniziativa. Però un tè verde Matcha, degustato sotto ai ciliegi, mentre va in scena la “Madama Butterfly”, non potete perderlo.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.