08182019Dom
Last updateDom, 18 Ago 2019 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Il turismo pedala in fretta sulla Valdaso: in arrivo ciclabili, piccoli ristori, bike officine

cicloviaadriatica

Il progetto è ambizioso, quindi andrà monitorato, seguito, pressato per non farlo rimanere una linea gialla sulla cartina presentata dalla vicepresidente della Regione, Anna Casini, ed all’assessore Fabrizio Cesetti.

ALTIDONA – Pedalando verso sud, con una importante deviazione verso i Sibillini. Si parte con la ciclovia dell’Aso, direttrice chiave per la regione marche del nuovo percorso a pettine che prevede la realizziamone di 247 chilometri di peste ciclabili grazie a un investimento di 46,3 milioni di euro.

Il progetto è ambizioso, quindi andrà monitorato, seguito, pressato per non farlo rimanere una linea gialla sulla cartina presentata dalla vicepresidente della Regione, Anna Casini, ed all’assessore Fabrizio Cesetti.

“Un’iniziativa che contribuisce a ridurre l’inquinamento, a rendere più sostenibili le città, a promuovere un turismo e un cicloturismo rispettoso del territorio. Il sistema delle ciclovie garantirà lo sviluppo di una rete ciclabile regionale che prevede un asse costiero che si connette con le principali vallate fluviali” ha introdotto la Casini.

In attesa di tutto il percorso, la Regione Marche ha recentemente cofinanziato, nell’area di interesse della ciclovia dell’Aso, due interventi di imminente realizzazione per lo sviluppo della mobilità ciclistica: “Il ponte ciclopedonale che collegherà Altidona e Pedaso (costo 365 mila euro, di cui 182,5 a carico della Regione) e il completamento di parte della ciclovia Adriatica, con tratti mancanti sui lungomari a est della linea ferroviaria (a Pedaso, Altidona e Campofilone, costo totale 650 mila euro, di cui 455 mila regionali)” aggiunge Cesetti.

Più bici, più salute, più integrazione con il trasporto pubblico e, si spera, più turismo. “Verranno realizzate infrastrutture dedicate, come parcheggi, nodi di scambio intermodali, bike officine e punti di ristoro” proseguono ricordando che la ciclovia dell’Aso è una delle tredici principali direttrici trasversali (est-ovest) della rete regionale. “Interessati alla sua realizzazione sono, potenzialmente, tutti i ventidue comuni della vallata. Secondo le linee progettuali al momento individuate, da condividere con le amministrazioni interessate, la ciclovia dell’Aso utilizzerà la sommità dell’argine del fiume come luogo preferenziale del percorso da realizzare. Questa impostazione consentirà di riqualificare le aree attualmente inaccessibili, senza tralasciare le connessioni agli abitati e alle infrastrutture esistenti”.

r.vit.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.