08142018Mar
Last updateMar, 14 Ago 2018 5pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Contesa del Secchio: domani è il gran giorno

IMG 5959

A Sant'Elpidio a Mare sale l'attesa per la manifestazione storica più antica delle Marche. Questa sera parte il countdown tra lettura del Bando del Podestà, la Sortizione del Gonfaloniere di Giustizia, e la solenne investitura del Capitano del Popolo.

SANT'ELPIDIO A MARE – Come da tradizione, ogni seconda domenica di agosto per Sant’Elpidio a Mare la storia si rinnova, e va in scena la sfida più antica delle Marche: la ”Contesa del Secchio”. In città cresce l'attesa tra i contradaioli e anche tra i tanti curiosi che ogni anno giungono numerosi per assistere alll'evento che, così come per “Città Medioevo”, affonda le proprie radici sulla storia e la tradizione. Basti pensare che il gioco del “Secchio”, giunto alla sua 66°edizione, trae origine da un fatto ovvero l'esigenza di porre fine alle continue liti tra le comari che si recavano a raccogliere l'acqua. Così gli Amministratori di allora decisero di indire una gara tanto singolare quanto avvincente. Ogni Contrada avrebbe dovuto far scendere in tenzone una sua squadra con una palla di stoppa e cuoio colorata con i simboli rionali. Semplice il gioco: il pozzo sarebbe stato il bersaglio e la palla l’arma pacifica. Così dal 1953 Sant’Elpidio a Mare rievoca il gioco e a contendersi il pozzo sono le storiche Contrade, Santa Maria, San Giovanni, Sant’Elpidio e San Martino. Il tuffo nel passato viene vissuto da tutta la popolazione con grande partecipazione e la città è già vestita a festa con i propri ornamenti.
Già ieri c'è stato lo spettacolo "Bandiere nella notte" con i musici e gli sbandieratori del Gruppo storico, e questa sera, a partire dalle 21.30, si entra nel vivo con la lettura del Bando del Podestà per “l’Indizione della Contesa”, che sarà seguita del Corteggio dell’investitura, dalla Sortizione del Gonfaloniere di Giustiziala, e la solenne investitura del Capitano del Popolo. Per l'occasione sono anche aperte le locande di Contrada, un modo per accogliere gli ospiti ed anche caricare le squadre. Ma il giorno clou sarà domani. A partire dalle 16.30 quando le quattro Contrade Storiche, le quattro  Delegazioni Foranee,  precedute dal gruppo dei musici della “Contesa del Secchio” ed accolte dal Mossiere, sfileranno lungo il “Corso Baccio” per raggiungere la piazza, dopodiché il Podestà dichiarerà ufficialmente aperti i giochi. Gli spettatori potranno ammirare gli splendidi abiti (molti dei quali riproducono fedelmente le testimonianze pittoriche di Carlo e Vittore Crivelli) preparati da tutte le Contrade, musici, armigeri, dame, priori, sbandieratori. Una sorta di gara nella gara a chi sfoggia l’abito più bello e più curato dove a fare la differenza non è certo il valore dell’abito ma la cura dei dettagli. E in questa edizione non mancano le novità con la Dama della Contesa che non sarà una figura unica, contornata esclusivamente da ancelle e seconde dame, ma che saràanche affiancata da figure maschili seguendo l'ispirazione data da dipinti importanti, esposti nei musei più importanti al mondo. Si tratta del “Ritratto principessa Estense”, esposto al Louvre di Parigi e attribuito a Pisanello; il “Ritratto coniugi Arnolfini”, di Jan Van Eyck ed esposto al National Gallery di Londra; ed il “Ritratto di donna con un uomo al davanzale”, di Filippo Lippo ed esposto al Metropolitan Museum of art di New York. Un modo per rendere ancora più realistica la raffigurazione. E la curiosità cresce se si considera il desiderio di conoscere chi indosserà le vesti di Dame e Priori, con i nomi delle prime che vengono tradizionalmente celate fino all'ultimo. Dopodiché il corteggio si muoverà sino a raggiungere il campo di gara dove avrà inizio “Il Gioco del Pozzo” dove la squadra da battere è la Sant'Elpidio (nella foto, ndr), ultima trionfatrice. Saranno ancora i gialli a vincere? O il Secchio finirà nelle mani delle contendenti? I rossi della San Giovanni (la Contrada con più successi) vuole allungare il passo; la San Martino ha voglia di riscatto dopo le polemiche degli ultmi anni mentre la Santa Maria vuole tornare a festeggiare una vittoria che manca dai primi anni del Duemila. Insomma ci sono tutti gli ingredienti per assistere ad un grande spettacolo e, come sempre, l'ultima parola spetterà al campo.

Aaron Pettinari

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.