Tipicità 2016, anche Sant'Elpidio a Mare si è messa in vetrina

sant elpidio

Nel corso della fiera diversi i momenti di promozione vissuti dal Comune e dalle Associaizoni cittadine.


SANT’ELPIDIO A MARE –  Tradizione gastronomica, arte, cultura, storia, musica: il Comune di Sant’Elpidio a Mare si è messo in vetrina in occasione dell’edizione 2016 di Tipicità, attirando l’attenzione di un gran numero di visitatori.
Non solo lo stand allestito dal Comune, in collaborazione con la Pro Loco e le Associazioni che si sono rese disponibili per l’occasione: diversi sono stati i momenti di promozione delle eccellenze del territorio.
Oltre alle degustazioni di prodotti tipici, sono stati diversi i momenti di riflessione ed approfondimento proposti.
Soddisfatta Stefania Torresi, Assessore alla Cultura ed al Turismo, che ha seguito la manifestazione in modo diretto. “In tanti hanno apprezzato i prodotti tipici che abbiamo proposto ed i vari appuntamenti al calendario della tre giorni di Tipicità. Abbiamo avuto occasione di far conoscere le manifestazioni che vengono istituzionalmente proposte nel territorio nei vari periodi dell’anno – aggiunge -  Tipicità si è confermato come prezioso momento di promozione per la nostra città, per le nostre peculiarità, per il nostro patrimonio storico, artistico e culturale. Un grande ringraziamento  va alla Locanda dei Matteri per la grande collaborazione mostrata, all’Associazione Le Querce degli Angeli per aver offerto una squisita polenta, apprezzata da tutti senza riserve e all’Azienda Amaolo che ha offerto i vini”.
La Locanda dei Matteri si è resa protagonista di un cooking show che ha catturato i presenti. La Chef Barbara Settembri, patron del ristorante che si trova a Bivio Cascinare, ha proposto due ricette nelle quali tradizione ed innovazione si sono fuse acquistando totale compimento nei piatti, opere d’arte con al centro il gusto del buono.
Nella sala Crivelli è stato offerto un appuntamento culturale attorno al tema “Bacci e Scacchi: creativi, marchigiani, inventori delle… bollicine”. Le bollicine sono di primogenitura marchigiana ma il luogo di nascita è da collocarsi a Sant’Elpidio a Mare. Ne sono convinti i sostenitori di Andrea Bacci, il medico e filosofo elpidiense, autore del monumentale trattato “De Naturali vinorum historia”. Oppure la storia ha origine nel fabrianese, sempre per l’acume di un medico, Francesco Scacchi, autore del celebre testo sul “bere sano” e sullo spumante? Comunque vada, il primato resta alle Marche e di questo si è discusso grazie agli interventi di Giovanni Martinelli dell’Accademia Elpidiana di Studi Storici per il Bacci, di Piero Guidarelli dell’Accademia Chirurgica “Durante Scacchi” per Scacchi, di Giancarlo Sagramola Sindaco di Fabriano e di Alessio Terrenzi, Sindaco di Sant’Elpidio a Mare. Dialogo condotto da Angelo Serri, direttore di Tipicità.
Momenti musicali grazie anche alla Girola Band e ad Alessandro Andolfi.
Proposta, inoltre, la mostra fotografica di Andrea Rotili che ha riscosso notevole apprezzamento da parte dei visitatori.
“Non posso che ringraziare tutti coloro che hanno collaborato per fare in modo che Sant’Elpidio a Mare si mettesse in vetrina in modo efficace – osserva il Sindaco, Alessio Terrenzi – dalla Pro Loco alle Associazioni, Giovanni Martinelli che ha reso possibile l’approfondimento su Andrea Bacci, dal ristorante La Locanda dei Matteri all’azienda Amaolo, dalla Girola Band ed Alessandro Andolfi per l’intrattenimento musicale, Rotili per la mostra delle sue opere. Ringrazio tutti coloro che fisicamente hanno lavorato per allestire lo stand, per presenziare durante i giorni di apertura, accogliere i visitatori e promuovere la nostra città”.