07232018Lun
Last updateDom, 22 Lug 2018 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

L'intesa tra Porto e Sant'Elpidio a Mare corre sul vino: Artevinando tra cantine e cultura in attesa di una sede

artevinando

Per il clou, 12 e 13 maggio, Artevinando sposa il Diamante di Porto Sant’Elpidio, con stand e la mostra fotografica di Noris Cocci.

FERMO – Si brinda, parlando e cercando di trovare le migliori ricette partendo dal vino: torna Artevinando, organizzata dall’associazione di Arte in Vino guidata da Marino Calvigioni. 21 aziende, da ogni angolo della regione, e due frantoi. Cresce la manifestazione e la Provincia, senza soldi ma con tanta voglia di aiutare i progetti che meritano, ospita la presentazione: “Programma ricco e impegnativo, che alla fine copre una fetta dell’anno. Non parliamo di uno spot, ma di una serie di appuntamenti che promuovono il territorio che come Provincia cerchiamo di rappresentare al meglio” sottolinea la presidente Moira Canigola.

“Noi vogliamo promuovere il territorio elpidiense e quello marchigiano. Ci piacerebbe avere una sede nel centro storico si Sant’Elpidio per poter fare sì che quello che facciamo abbia una continuità. Vorremmo un luogo migliore del mio garage” esordisce Marino Calvigioni mandando un messaggio all’amministrazione. Il programma parte con una anteprima il 24 marzo alle 1630. “Un focus sul bianchello del Metauro, un vino trascurato e che invece cresce e ha grandi potenzialità. ne parleremo con enologi nazionali e il presidente di Coldiretti Marche Tommaso Di Sante. Abbiamo scelto la sala consiliare per portare gente nel centro storico di Sant’Elpidio a Mare”.

L’evento con degustazioni entra nel vivo a maggio. Il 5 appuntamento al Casale Cs per il convegno con il viticoltore ed ex arbitro Daniele Tombolini affiancato da Marco Menghini, consulente di Linea Verde. Per il clou, 12 e 13 maggio, Artevinando sposa il Diamante di Porto Sant’Elpidio, con stand e la mostra fotografica di Noris Cocci. Gran finale il 30 giugno con la serata musicale e il 25 agosto l’appendice con l’aperitivo in piazza a Sant’Elpidio a Mare con il rosso piceno, la Doc più longeva.

“Il secondo anno di Artevinando a Porto Sant’Elpidio. Ben si inserisce al nostro piano di valorizzazione dei prodotti, iniziato con il Falerio che è protagonista assoluto a villa Baruchello. Bisogna crescere insieme, ancora di più con il comune a noi più vicino. L’enogastronomia è sempre più un fattore per la crescita turistica” prosegue Milena Sebastiani, assessore di Porto Sant’Elpidio.

L’importanza dell’iniziativa merita attenzione dal comune di casa: “Noi cerchiamo di collaborare con le associazioni, ma è anche vero che immobili che prima venivano usati son stati ora danneggiati dal sisma. ne abbiamo altri che potrebbero essere resi fruibili, ma servono risorse. Non abbiamo spazi adeguati” è la risposta amara, “la do a malincuore”, del vicesindaco Mirco Romanelli alla richiesta di Calvigioni

Il consigliere comunale Fabio Conti, affiancato da Alessandro Bigioni, sottolinea il grande lavoro dietro la costruzione del programma, che ha più facce: “Ci rivolgiamo ad appassionati, ma anche a tecnici. Il compito è duplice: promuovere il vino e dare spunti ulteriori. Le cantine sono rappresentate dal proprietario, o da una figura di fiducia, proprio per aumentare il feedback. E chi vuole può comprare il vino”.  Il tutto con degustazioni di pasta e prodotti enogastronomici garantiti, insieme al calice per assaggiare i vini, pagando i sette euro di biglietto all’ingresso.

r.vit,

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.