09222018Sab
Last updateVen, 21 Set 2018 5pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Tutti pazzi per le stelle: boom di visitatori all'osservatorio Castellano. "Servono più risorse e un parcheggio"

oss

È nato con questo spirito il progetto ‘Primo approccio all’astronomia’ in collaborazione conl’Isc di Sant’Elpidio a Mare.

SANT’ELPIDIO A MARE – Silenziosi, come le stelle che si muovono nel cielo, sono gli astronomi che fanno dell’osservatorio astronomico elpidiense "Marco Bertini" un luogo di attrazione. La frazione di Castellano è sempre più un riferimento per gli appassionati del cielo, grazie all’offerta formativa e di promozione della cultura e della conoscenza dell'astronomia affidata all’associazione Alpha Gemini.

A dirlo sono i numeri: 35 aperture ordinarie di lunedì dalle 22 alle 24, con una presenza media da 20 a 50 ospiti con punte nel periodo estivo di circa 150; 4 aperture straordinarie per manifestazioni, presenza media da 80 a 100 ospiti; 2 sabati dedicati all'osservazione della Luna al primo quarto o La Notte dei Desideri o La Notte della Luna; 12 aperture riservate alle Scolaresche e Associazioni (presenza media da 30 a 50 ospiti. Migliaia di persone per una struttura che ha ancora qualche problema: “Soprattutto logistici, dalla gestione dell'area circostante all’inquinamento luminoso fino al parcheggio” sottolinea il presidente dell’associazione Butani.

Più stelle, più visitatori più turisti, per uno spazio che è curato in ogni dettaglio. Si spiega così l’aumento degli ospiti, ma soprattutto dei veri appassionati. “È consuetudine che i ragazzi con il proprio telescopio vengano ad approfondire le proprie competenze. Inoltre molte scuole stanno inserendo nella loro offerta formativa almeno una visita all'Osservatorio e confidiamo in seguito anche a progetti più strutturati, come stage di alternanza scuola lavoro” prosegue il presidente di Alpha Gemini.

È nato con questo spirito il progetto ‘Primo approccio all’astronomia’ in collaborazione conl’Isc di Sant’Elpidio a Mare. “Lo vogliamo sviluppare portando in classe i nostri esperti abbinandoli alle visite guidate all'osservatorio”. Per crescere, bisogna anche investire. E il sogno resta il parco dell'astronomia con il progetto è già stato sottoposto all'attenzione dell’amministrazione comunale. Non bastano più i punti multimediali, i telescopi nel prato, la proiezione dei corpi celesti come base di studio. “Stiamo cercando di migliorare la strumentazione, al fine di proporre progetti strutturati: alle scuole di diverso grado, ad appassionati di Astronomia o semplici curiosi, con una particolare attenzione verso i giovani. Vogliamo diventare un riferimento per l’astronomia osservativa, la fotografia astronomica, l’astro imagining e la fotometria. Tutto per poter essere competitivi con il mondo delle stelle e poter accrescere l’attività di ricerca con la rete delle Delegazioni Uai e il network astronomico in generale” conclude Butani che spera in maggiori contributi da parte del sindaco Alessio Terrenzi.

r.vit.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.