10182017Mer
Last updateMar, 17 Ott 2017 8pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Calzaturiero, l'incubo è dietro l'angolo. La Cgil: "Formentini pronto a licenziare 110 dipendenti"

scarpa lavoro

“Le Marche e la provincia di Fermo arretrano in una foresta di disoccupazione, precarietà, lavoro nero e sommerso".

FERMO – Che sarà un autunno difficile tutti lo sanno. Ma iniziarlo con la conferma delle voci che volevano in difficoltà numerosi imprenditori è poco rassicurante. La Cgil lancia l’allarme sul gruppo Formentini, uno dei leader territoriali nella produzione di calzature di fascia media, da sempre riferimento di colossi come Bata. Sono due gli stabilimenti che traballano su tre che ne gestisce l’imprenditore. In totale sono 160 i dipendenti del gruppo, 110 quelli che salvo colpi di scena potrebbero restare senza lavoro con la chiusura di uno stabilimento a Sant’Elpidio e uno a Fermo. I sindacati stanno parlando e seguendo la situazione, è stato aperto un tavolo di confronto anche a Confindustria. Un’altra azienda del Distretto calzaturiero è in crisi. Il gruppo Formentini, 3 stabilimenti – 2 a Sant’Elpidio a Mare e 1 a Fermo -  che occupano circa 160 dipendenti, è in procinto di licenziarne 110. Nella fascia di produzione dell'imprendiotre fermano avanza la concorrenza di altre zone d'Italia, Puglia e Campaania in pole, ed estere con i Turchi: servono in terventi strutturali, come spiegato durante theMicam al presindete Gentiloni dai vertici di Assocalzaturifici. Cuneo fiscale, defiscalizzaizoni, tuttela del made in e politiche per il distretto fermano - maceratese.

“Le Marche e la provincia di Fermo arretrano in una foresta di disoccupazione, precarietà, lavoro nero e sommerso. Oltre a chiedere azioni di politica economica e industriale per il rilancio dello sviluppo del fermano, vorremmo almeno che si facesse qualcosa per mantenere i posti di lavoro che oggi ci sono, magari con un intervento sugli ammortizzatori sociali per le piccole imprese e per l’Artigianato e, da qualche misura, come l’estensione dei contratti di solidarietà, che eviti i licenziamenti che, senza l’adozione di misure dedicate, si annunciano numerosi” commentano i vertici della Cgil Di Cosmo e De Grazia che ricordano come i dati macroeconomici del 1° semestre 2017 (leggi l’articolo) rispetto al 2016 dicano: export - 2,2%, imprese -41 e addetti -548.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.