10202017Ven
Last updateGio, 19 Ott 2017 9pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Cultura e turismo. La Maddalena del Crivelli che ispirò Klimt diventa la stella di un video

Stefano Papetti Custom

Al fianco del regista Cruciani la voce e la conoscenza di Stefano Papetti, storico dell’arte e anima della pinacoteca di Ascoli Pieno. Insieme hanno dato corpo alla volontà politica dell’amministrazione di Montefiore e della provincia di Ascoli Piceno. 

di Raffaele Vitali

MONTEFIORE DELL’ASO – Importante operazione culturale e promozionale del comune di Montefiore dell’Aso che decide di investire sul suo polittico del Crivelli. Un modello da seguire anche per altre realtà, come Sant’Elpidio a Mare, ferme da troppo tempo in attesa di infiniti lavori di restauro del palazzo che spinta la pinacoteca.

Montefiore ha scelto di realizzare un video sull’opera di Carlo Crivelli conservata nello splendido polo museale San Francesco di Montefiore dell'Aso. Un documentario affidato a Marco Cruciani, regista capace di raccontare in maniera perfetta il mondo di Mario Dondero, uno dei più grandi fotoreporter del mondo nel documentario ‘Calma e gesso’. Al fianco di Cruciani la voce e la conoscenza di Stefano Papetti, storico dell’arte e anima della pinacoteca di Ascoli Pieno. Insieme hanno dato corpo alla volontà politica dell’amministrazione di Montefiore e della provincia di Ascoli Piceno.

Non deve stupire questa operazione sul polittico di Montefiore, perché è da tutti gli esperti considerato un riferimento nell’opera del Crivelli. Lo stesso Vittorio Sgarbi durante la XVII Assemblea Nazionale del Club dei Borghi, stava tenendo la lectio sui "Tesori dei Borghi più belli d'Italia”, ha scelto di commentare il polittico del Crivelli di Montefiore dell'Aso esaltando “la seducente Maddalena che possiamo accostare ai dipinti di Klimt di cui Crivelli potrebbe essere stato l'ispiratore”.

E ora la coppia Cruciani – Papetti per un video che verrà presentato al pubblico nella rassegna "Sinfonie di Cinema" in programma a Montefiore ad agosto e sarà a disposizione dei visitatori nella sala dedicata al grande artista veneto del Rinascimento. Il filmato è accompagnato da suggestive musiche dell’epoca e abbina i dettagli dell’opera ai paesaggi piceni, con l’esaltazione degli scorci di Montefiore e della stessa Ascoli, città che conserva numerose opere dell’artista.

“Grazie alle immagini ravvicinate delle tavole, il pubblico potrà apprezzare dettagli che normalmente sfuggono alla visione ad una certa distanza con primi piani che mettono in luce la straordinaria modernità del grande artista rinascimentale che raffigura i suoi personaggi sacri nei minimi particolari con abiti sfarzosi e un tratteggio minuzioso di sguardi e movenze” spiegano gli autori.

"Con questo video - ha evidenziato l'assessore di Montefiore Curto - si amplia l'offerta ai visitatori del nostro polo museale, il prossimo obiettivo è di creare delle audio guide per tutto il museo". Un modo anche di stimolare la curiosità e la voglia di beneficenza di qualche illuminato imprenditore per il futuro e necessario restauro studiato e spiegato nel video da Daphne De Luca, che ha curato le indagini diagnostiche dell'Università di Urbino e Camerino.

Mai come questa volta sarebbe necessario replicare la buona politica. La speranza è che Sant’Elpidio, una volta rientrati i suoi dipinti dalle mostre in giro per l’Italia, decida davvero di investire sul Crivelli, dando un motivo al turista per arrivare nel centro cittadino, bello quanto vuoto. L’operazione fatta da Fermo con il Rubens diventa multimediale a Montefiore, il sindaco Alessio Terrenzi ha di che ispirarsi. Per info basta chiamare Papetti o Cruciani.

@raffaelevitali - redazione@laprovinciadifermo.com 

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.