03272017Lun
Last updateLun, 27 Mar 2017 10am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

'Il tuo sindaco'. Slogan semplice e stesso gruppo, Terrenzi ci crede: "Continuità per Sant'Elpidio"

terrenzi candidato
terrenzi coalizione

Il sindaco uscente: “Il mio è un progetto civico. Non c’è più l’Italia dei Valori, poi è subentrato il Partito Democratico. Che ringrazio per la spinta e che sarà ancora al mio fianco. Ci ha portato tranquillità e qualità. Ma io resto civico”. VIDEOINTERVISTA

di Raffaele Vitali

SANT’ELPIDIO A MARE – Una bandiera dell’Italia come base da cui ripartire, uno slogan semplice ‘Il tuo sindaco’ e manifesti con il suo volto sorridente. “Si continua, non si riparte” esordisce il sindaco Alessio Terrenzi candidato alla sua successione con una coalizione confermata. “Amministro con la gente per la gente, con passione per passione”. Un gioco di parole che aumenta la sua idea di compartecipazione. “Cinque anni fa così ho vinto e ribadisco questa mia convinzione alla base della candidatura”.  Cinque anni fa il ballottaggio, quest’anno nessuna esitazione: “Vorrei vincere al primo turno”.

LA COALIZIONE

“Non ho esitato alla richiesta di chi mi supporta da cinque anni. Un gruppo coeso e compatto che ha le carte in regola per fare bene”. Al suo fianco gli esponenti di spicco del consiglio comunale, che dopo i malumori del primo biennio ha ritrovato unanimità: “Questo ci ha permesso di risolvere questioni annose”. E il riferimento al caso Castagno è d’obbligo. “Il mio è un progetto civico. Non c’è più l’Italia dei Valori, poi è subentrato il Partito Democratico. Che ringrazio per la spinta e che sarà ancora al mio fianco. Ci ha portato tranquillità e qualità. Ma io resto civico”.

Tre i gruppi in corsa con Terrenzi: Partecipazione Democratica, la lista di centro con i consiglieri Diomedi, Cognigni e l’assessore Verdini e il Partito Democratico. “Ci saranno tante donne, a tal punto che devo trovare gli uomini per rispettare la parità di genere. Per me le donne hanno una marcia in più e sanno trovare la parola giusta” spiega sorridendo il sindaco circondato da volti noti, tra i tanti Marcotulli e Mariani, e gente comune. VIDEOINTERVISTA

LE SCELTE

La parola chiave è ‘continuità’. “Interrompere il percorso significherebbe perdere tempo e rischiare che si fermi quanto avviato. Noi sappiamo amministrare e guidare una macchina complessa come il Comune” ribadisce puntando il dito sul dopo sisma e il rilancio del centro storico “che con il turismo e il commercio saranno la mia priorità. Facile dire il sociale, viste le difficoltà delle famiglie, ma solo ridando anima alla città li posso aiutare”.

OBIETTIVO

“Sappiamo di essere forti, ma non posso dare per scontata la mia rielezione. Una forza data dalla nostra compattezza, ma anche dalla volontà di aprirci a nuove forze positive della città. Chi ama Sant’Elpidio quanto noi può darci il suo contributo, il progetto non è nostro, ma di tutti”.

GLI AVVERSARI

Al momento sono due: Fabio Conti, “che è un candidato contro di me”, e Giovanni Martinelli: “Auspico un dibattito corretto, non servono scontri. serve il contributo di tutti. In questi anni abbiamo riunito la città nell’emergenza, questo dimostra che si può lavorare insieme”. Martinelli è la sorpresa: “Mi ha spiazzato leggere che sia il candidato del centrodestra, vedremo se unito. Se sarà lui, la campagna elettorale diventa impegnativa perché parliamo di una persona che ha dato molto a questa città, ma che non è stato in grado di portare a termine il suo mandato. Lui è l’unico candidato che ha vinto fuori dal centrosinistra a Sant’Elpidio a Mare e quindi è il competitor ideale del centrodestra”. Incognita sono i 5 Stelle, che ancora non hanno deciso il loro candidato: “Ma so che ci saranno. Spero che siano pronti al confronto e non si limitino alle critiche”.

IL TOUR

“Non faccio una campagna di ascolto, visto che faccio il sindaco a tempo pieno e i cittadini li conosco ogni giorno. Girerò la città presentando le mie idee e confrontandomi”. Primo appuntamento il 21 marzo a Cascinare e chiusura, in questa prima fase, il 10 aprile a Luce”.

LO SLOGAN

'Il tuo sindaco'. “Ho lavorato convinto di essere il sindaco di tutti, che poteva essere lo slogan alternativo. Ma esserlo di tutti è scontato. Voglio che la gente veda in me in primis il livello umano, sapendo che il piano istituzionale è scontato”.

IL RUOLO DEL PD

“Il pallino non lo tiene nessuna delle liste, ma io. Ho le mani libere, questa è la garanzia. Non si parla di posti, ma di persone giuste che sceglierò per amministrare la città”.

@raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terrenzi bis: "Il centro come priorità"

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.