09212019Sab
Last updateSab, 21 Set 2019 10am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Tre giorni di grande jazz a Sant'Elpidio a Mare: Ray Gelato, Fresu e poi McKenzie

jazzsem5

Dopo Gelato, poi, altri due super appuntamenti cominciando con i concerti di Paolo Fresu in trio con Marco Bardoscia e Dino Rubino il 5.

SANT'ELPIDIO A MARE – Il cartellone del Sant’Elpidio Jazz Festival si prepara al gran finale. Domani sera, domenica, per la ventesima edizione di quello che partì come un sogno di Andolfi, sale sul palco Ray Gelato, il sassofonista e cantante inglese, reso famoso dalle uscite con Aldo, Giovanni e Giacomo. È considerato uno dei massimi interpreti dello spirito musicale disincantato dello swing degli anni 40 e 50 e del Rhythm'n'Blues. Dalle influenze di Nat King Cole e Frank Sinatra, da Cole Porter a Louis Prima, a Sammy Davis Jr. a Louis Jordan, Gelato non dimentica però i capisaldi della tradizione italiana, in special modo napoletana, da Buscaglione, a Carosone, Rabagliati e Natalino Otto.

Gelato ha alle spalle una carriera di successo segnata dalla presenza al famoso Ronnie Scott di Londra dove si esibisce ogni Natale, i concerti per la Regina Elisabetta, e quelli per il magnate Richard Branson, l'opening act per Robbie Williams alla Albert Hall e il live al matrimonio di Sir Paul McCartney. Dopo Gelato, poi, altri due super appuntamenti con i concerti di Paolo Fresu in trio con Marco Bardoscia e Dino Rubino il 5 e il finale il 6 agosto con il pianoforte e la voce dell'australiana Sarah McKenzie. Posto unico a 15 euro, 10 per i residenti di Sant’Elpidio a Mare.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.