02172019Dom
Last updateDom, 17 Feb 2019 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Tanta voglia di rimpasto: Terrenzi ci pensa. Cognigni pronto per un posto in Giunta

giunta alessio taglio

Se dovessero saltare due figure, il primo cittadino potrebbe ampliare il raggio di azione della sua ricerca, andando senza problemi a pescare in casa della principale forza di maggioranza, il Partito Democratico, e non solo dentro la ‘sua’ Partecipazione Democratica.

SANT’ELPIDIO A MARE – Matteo Verdecchia è fuori, in fin dei conti questa potrebbe diventare per il sindaco Alessio Terrenzi, che è in missione in Ucraina, l’occasione per rimescolare un po’ di carte e rivedere soprattutto la posizione di almeno due figure. La prima è quella di Stefania Torresi, inserita in fretta e furia per rimediare a una Giunta con poche quote rosa e subito appesantita con la delega al Commercio, croce del centro storico, zona su cui però non ha competenza lei ma un altro assessore. Ma la Torresi per Terrenzi è, perdendo Verdecchia, la figura più di fiducia. La seconda è legata a Stefano Berdini. Il giovane politico o cresce, e quindi viene responsabilizzato dal sindaco, o esce. Non si può continuare con politiche giovanili, orti urbani e bilancio arboreo se l’obiettivo è farne il sindaco del futuro. Anche perché, e Berdini lo sa bene, se non cresce ha il fiato sul collo del presidente del consiglio comunale, Paolo Cognigni, che ambisce al ruolo di assessore.

Se dovessero saltare due figure, il primo cittadino potrebbe ampliare il raggio di azione della sua ricerca, andando senza problemi a pescare in casa della principale forza di maggioranza, il Partito Democratico, e non solo dentro la ‘sua’ Partecipazione Democratica dove spicca il capogruppo Andrea Rossi. Chiaro che quello che definimmo il ‘mister Wolf’ di Alessio Terrenzi, ovvero Norberto Clementi, sia sempre il nome più caldo sul tavolo. Fatto uscire dalla Giunta controvoglia e soprattutto perché era l’unico che avrebbe lasciato il posto senza fare polemiche, Clementi potrebbe rientrare dalla porta principale per seguire il tema caldo dell’Urbanistica.

In un rimpasto ben fatto, potrebbe tornare anche sotto un’unica voce la Cultura, oggi divisa in maniera anomala con Gioia Corvaro (la stessa del centro storico, ndr) che ne ha la delega, ma con la Torresi che ha quella al rapporto con le associazioni culturali.

r.vit.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Ponte di Rubbianello: cinque anni di nulla dopo il crollo

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.