04232019Mar
Last updateMar, 23 Apr 2019 1pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Intervista. Terrenzi e la sua Sant'Elpidio a Mare: fusione, 'subito la commissione', e centro storico, 'case a un euro'

aleterrenzi

Castagno, che fine sta facendo? “Ultima pratica passata in Consiglio per diventare grande struttura. Ora compete alla proprietà presentare il piano di lottizzazione in Regione".

di Raffaele Vitali

SANT’ELPIDIO A MARE – Alessio Terrenzi è al secondo mandato. Tante sfide davanti, dalla fusione al rilancio del centro storico.

Sindaco, partiamo da corso Baccio. Che fare per il rilancio?

“Proviamo la strada delle case a un euro. Diverse sono da rimettere a posto e ci stiamo lavorando. E poi ci sono i bandi per riempire il centro storico”.

Rivitalizzarlo come questo centro?

“Stiamo allestendo la stagione teatrale. Bissiamo il cinema, ma stiamo ragionando sul target. E poi faremo più serate di solidarietà ad alto livello, vogliamo caratterizzarci: Masini e Nomai sono stati una grande dimostrazione di interesse e coinvolgimento. Se Servigliano ha il suoe vento estivo, noi cercheremo diventare l’altro grande polo”.

Per i negozi, bando con detassazione?

“Lo bisseremo. E sono speranzoso. Anche la riapertura del Melograno ci aiuterà”.

Nodo scuola per il centro storico?

“Il Tarantelli in realtà è sempre in centro, al fianco del Montalto Nannerini dove ci sarà anche la casa di riposo”.

E poi ci sono i tanti edifici danneggiati dal sisma.

“Vogliamo riaprire gli edifici su strada pubblica. Gli uffici stanno lavorando. A livello economico la copertura è totale. Dove si trova la contrada San Martino è il primo palazzo che speriamo di far ripartire. Per il Menghetti fondi in arrivo e progettazione in corso, siamo al preliminare”.

Pinacoteca e museo della calzatura sono una risorsa?

“Noi ci crediamo e ci investiremo. Il museo Andolfi lo portiamo a Minsk, insieme a Pesaro che organizza l’evento musicale con Rossini. La locanda dei Matteri di Bivio Cascinare realizzerà un menu apposito. Merito alla regione che ci ha coinvolto”.

Capitolo fusione, come procede?

“La mia maggioranza è d’accordo, ho dato mandato di studiare la pratica. Ora indicheremo al comune di Porto Sant’Elpidio i criteri per adottare la commissione che studia il percorso migliore. Capiremo i pro e i contro. Sono per chiudere questa storia finalmente. Voglio una valutazione reale, se conviene per tutti oppure no”.

Castagno, che fine sta facendo?

“Ultima pratica passata in Consiglio per diventare grande struttura. Ora compete alla proprietà presentare il piano di lottizzazione in Regione e dopo questo inizieremo a incassare il milione con cui copriremo la casa di riposo, già finanziata con nostri fondi”.

Della Valle non chiede più nulla?

Sorride. “Io chiedo, caso mai. Ma come con Della Valle, il rapporto è ottimo con tutti gli imprenditori, per questo siamo fortunati a Sant’Elpidio”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Ponte di Rubbianello: cinque anni di nulla dopo il crollo

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.