Esce dal negozio e un ladro in bicicletta le scippa il portafoglio: spavento a Porto Sant'Elpidio

scippopse

. “E’ successo tutto in un attimo. La signora neppure si è resa conto che stesse passando con la bici sul marciapiede dietro di lei” prosegue il proprietario della Bottega del vino.

PORTO SANT’ELPIDIO – La signora Graziella aveva appena comprato prosciutto e pane nel negozio preferito, la Bottega del vino, sulla statale Adriatica. Quando, appena uscita, ha urlato: “MI hanno rubato il portafoglio, aiuto”. Il signor Serafino è uscito dal negozio e ha subito aiutato la cliente. Un ragazzo in bicicletta aveva appena strappato dalle amni della signora il borsello per poi dileguarsi in salita, verso il vecchio mulino, svicolando tra le auto di passaggio. “E’ successo tutto in un attimo. La signora neppure si è resa conto che stesse passando con la bici sul marciapiede dietro di lei” prosegue il commerciante.

Chi lo ha visto bene e ha fornito dettagli alla Polizia, arrivata sul posto, è stato un altro signore, il padre dell’assessore Pasquali. Era dentro l’auto e dallo specchietto ha visto arrivare il giovane di origini magrebine, tutto vestito di nero. Ma non si aspettava che potesse scippare la signora Graziella, setant'anni solo per la carta d'identità. Dopo il colpo e dopo aver rassicurato la vittima, i due si sono messi in cerca del delinquente tra le vie della collina, ma non ce ne era già più traccia. Erano passate da pochi minuti le 11, altre clienti si sono assembrate per far passare lo spavento alla donna. Che non ha subito conseguenze fisiche, perché più che uno scippo è stato un furto con destrezza, visto che lei aveva in una mano la borsa e nell’altra il portafoglio. Neppure il tempo di rimetterlo dentro che le era stato portato via.

Una brutta esperienza che si somma a quella di poche settimane fa quando le rubarono la borsa nel parcheggio del cimitero. “Aveva appena rifatto la patente, è questa la cosa che più le ha dato fastidio, a a parte i cento euro che aveva dentro” conclude Serafino che chiede all’amministrazione e alle forze dell’ordine più attenzione per quella zona nord della Statale, un tempo ricca di negozi e oggi lasciata troppo vuota e buia.