07232018Lun
Last updateDom, 22 Lug 2018 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Franchellucci e Felicioni, la sfida elettorale è partita alla stessa ora tra idee nuove e report

felicionipiccoola

L’invito che è stato rivolto ai cittadini è di credere in Felicioni e votarlo. Tre le liste che supporteranno la sua candidatura, ognuna con un responsabile: Pierpaolo Lattanzi, Milo Capponi e Sergio Belletti.

Stessa sera, doppio debutto per la campagna elettorale di Porto Sant’Elpidio: alla Piccola, il candidato sindaco Alessandro Felicioni con il suo Laboratorio Civico; nella sede del quartiere San Filippo, il sindaco che si ricandida, Nazareno Franchellucci.

Non c’erano più posti a sedere alla Piccola e molti cittadini, soprattutto del centro, sono rimasti in piedi ad ascoltare il civico che ha iniziato esponendo le modalità di azione per risolvere i problemi della città. La gente ha dimostrato di voler conoscere meglio alcune tematiche affrontate durante la serata, in particolare il rapporto che c’è tra amministrazione comunale ed Ecoelpidiense, ex Fim, ex Gigli. Argomenti sui quali Felicioni e, dopo di lui, Pierpaolo Lattanzi e Milo Capponi si sono ampiamente soffermati ponendo l’accento sul trattamento discutibile che viene riservato alla controparte privata, in particolare sul Gigli.

Ma per arrivare a metterci mano, l’invito che è stato rivolto ai cittadini è di credere in Felicioni e votarlo. Tre le liste che supporteranno la sua candidatura, ognuna con un responsabile: Pierpaolo Lattanzi, Milo Capponi e Sergio Belletti.

“Si respira un’aria diversa – ha detto il candidato sindaco – ma secondo me il cambiamento deve essere la naturale convergenza sul nostro progetto e i cittadini devono aiutarci a realizzarlo”. “Bisogna invertire le spirali negative derivanti dalla crisi economica e per spezzarle si possono drenare risorse, scandagliando tutta la spesa pubblica, rinegoziando i mutui, rivedendo i contratti con i fornitori, uno studio attento del bilancio comunale”: sono i punti di forza del programma del Laboratorio civico al quale sta lavorando un direttivo che aiuta il candidato nella programmazione e nelle scelte più importanti, e gruppi di lavoro, il più prolifico dei quali è quello dei tecnici: “Una decina tra geometri, architetti, ingegneri stanno facendo un lavoro fantastico e ci stanno fornendo materiale dal quale attingere a piene mani per approcciare le varie problematiche urbanistiche, di mobilità e di recupero dell’esistente” ha spiegato Felicioni.

Nello stesso momento, Franchellucci dava il via all’incontro pubblico a San Filippo con un approccio del tutto diverso: ha illustrato cosa è stato fatto per il quartiere, cosa si sta facendo e cosa si intende fare nel prossimo futuro, spaziando dalla nuova piazza che sorgerà a ridosso del Sì con te, al prolungamento di via Martiri delle Foibe, all’attenzione agli impianti sportivi, alla zona industriale, a come contrastare la presenza dei nomadi e, per finire, all’intervento di manutenzione straordinaria di cui la sede del centro sociale e la torretta hanno bisogno a causa delle infiltrazioni. Esaurite le slide illustrative, Franchellucci si è soffermato anche sulle questioni cardine della città: la nuova Piazza Garibaldi, il restauro dell’ex Gigli, il progetto per l’ex Fim, l’erosione.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.