10212017Sab
Last updateVen, 20 Ott 2017 5pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Giallo Mithun. Dagli indumenti intimi al cellulare usato dopo la morte, il Gip prende tempo sull'archiviazione

mithinromagnoli

“Abbiamo chiesto nuove indagini, portando ulteriori prove assunte nelle forme di indagini difensive, e svolgendo anche accertamenti tecnici utili, anzi indispensabili, per accertare quanto realmente accaduto” spiegano i due avvocati Valori e Romagnoli.

FERMO – “Dateci altro tempo, lasciateci scoprire la verità”. La madre di Mithun Rossetti l’ha ribadito anche oggi, mentre il Gip di Fermo, il dottor Marcello Caporale, si riservava sulla richiesta di riapertura delle indagini presentata dalla difesa. Ci spera la madre e come lei gli avvocati Federico Valori e Rossano Romagnoli che stano seguendo passo passo la vicenda della morte del giovane di Treia e che neppure per un momento hanno creduto all’ipotesi di suicidio avvalorata invece dalla Procura.

Mithun venne trovato senza vita il 7 agosto, impiccato a un albero nel giardino di una villa di Porto Sant’Elpidio. La Procura non ha mai avuto dubbi, mentre numerosi sono quelli avanzati dai legali della famiglia. Dopo oltre un anno erano usciti nuovi dettagli legati ad alcuni indumenti intimi ritrovati sul luogo della morte. Dettaglia che hanno spinto la famiglia a opporsi all’archiviazione.

“Abbiamo chiesto nuove indagini, portando ulteriori prove assunte nelle forme di indagini difensive, e svolgendo anche accertamenti tecnici utili, anzi indispensabili, per accertare quanto realmente accaduto” spiegano i due avvocati.

Il Gip si è riservato. “Siamo al momento chiave della vicenda, se riaprirà le indagini potremo finalmente capire cosa è successo quella notte”. Una notte in cui il giovane era atteso a una festa in discoteca. Ma non c’è mai arrivato. Nel mentre ha provocato un incidente, si è cambiato d’abiti e ha avuto il tempo di dire a un vicino di casa della villa in cui è stato ritrovato morto di essere stato violentato e sequestrato. Dettagli che però non hanno mai fatto cambiare idea agli inquirenti. Neppure il fatto che qualcuno si fosse collegato al pc di Rossetti, quando lui era già morto, ha modificato il corso degli eventi. Fino all’udienza di questa mattina e il rinvio della decisione del Gip.

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.