08242017Gio
Last updateMer, 23 Ago 2017 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Consiglio provinciale, Famiglini bussa alla porta della Canigola: "Pronti a ricevere deleghe"

consigliomoira

“Ho vissuto questi mesi di attesa della sentenza serenamente” commenta. Ma il ricorso targato Partito Democratico poteva farlo saltare.

PORTO SANT’ELPIDIO – Non aspetta le motivazioni Giorgio Famiglini per commentare i ricorsi respinti. Ed è comprensibile. Da tre mesi viveva in un limbo, con un piede dentro e uno fuori dal consiglio provinciale in cui il 19 marzo era entrato di diritto grazie ai voti conquistati. Il consigliere di Porto Sant’Elpidio era riuscito a compattare attorno a sé il mondo di Fratelli d’Italia, trovando una importante sponda nel centrodestra di Montegranaro. “Ho vissuto questi mesi di attesa della sentenza serenamente” commenta. Ma il ricorso targato Partito Democratico poteva farlo saltare. Invece, i candidati Simone Malavolta e Luciano Evandri restano fuori dai dieci della Provincia di Fermo.

“Dopo tre mesi di stallo, aspettiamo fiduciosi l’attestazione delle deleghe da parte del Presidente Canigola. Da fare c'è molto e, come sempre ribadito, siamo a disposizione per iniziare ad affrontare costruttivamente le incombenze politico/amministrative della Provincia” sottolinea Famiglini. Che vorrebbe un ruolo, per sé o almeno per chi ha fatto parte della sua stessa lista.

Difficile da immaginare dopo le parole del segretario provinciale del PD Paolo Nicolai: “I ricorsi sono stati dibattuti ed accettati come casi complessi dal TAR, vuol dire che avevano un fondamento ed era giusto portarli avanti per il rispetto di chi si è messo in gioco e di chi ha votato. Sta di fatto che l'ente e la presidente Moira Canigola stanno già lavorando bene e si andrà avanti con questa serenità amministrativa per il bene di tutto il territorio”.

Una serenità che Famiglini vorrebbe condividere: “Ci auspichiamo un confronto a breve, per definire la programmazione del lavoro. Abbiamo sprecato già troppo tempo per questo inghippo dovuto alla perenne non accettazione di sconfitta degli esponenti del PD”.

Una scelta importante quella che attende la Canigola, che deve decidere se assegnare deleghe come viabilità, rifiuti, urbanistica e scuole tutte all’interno della sua maggioranza o se dare un ruolo anche all’altro lato del tavolo, magari pescando tra uno dei due consiglieri di Fermo.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Molotov contro i vigili di Fermo, il sindaco: "Chi sa, parli"

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.