04302017Dom
Last updateDom, 30 Apr 2017 8am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Mattarella tra gli sfollati dell'Holiday. "Il prossimo anno avrete un Natale migliore" VIDEO

mattarellabimbi
matatrellainno
mattarellarebecca

Un messaggio di vicinanza quello di Mattarella alle popolazioni colpite dal terremoto. Entra in punti di piedi, come sua consuetudine, nella sala del villaggio vacanze dove si ritrovano anziani, mamme, bambini e chi, purtroppo, ancora non ha potuto riprendere a lavorare.

di Raffaele Vitali

PORTO SANT’ELPIDIO – “Che emozione stringere la mano al presidente Mattarella”. La signora Claudia è contenta. Ma al suo fianco, ci sono gli abitanti di Pieve Bovigliana, loro lo sono un po’ meno. Ma non ce l’hanno con il Presidente della Repubblica, in visita all’Holiday di Porto Sant’Elpidio per incontrare gli sfollati, ma con il sistema: “Avremmo voluto costruire della case di legno in uno spazio vicino al Paese, ma non ce lo fanno fare. Questo vorremmo dire al Presidente”. Non c’è stata occasione, ma il messaggio si alza forte. E vola lontano con il sorriso di Rebecca, la bimba di Muccia diventata mascotte, che Sergio Mattarella ha abbracciato.

Un messaggio di vicinanza quello di Mattarella alle popolazioni colpite dal terremoto. Entra in punti di piedi, come sua consuetudine, nella sala del villaggio vacanze dove si ritrovano anziani, mamme, bambini e chi, purtroppo, ancora non ha potuto riprendere a lavorare. Non tante persone, ma piene di calore.

“Le mie parole servono a poco, servono fatti concreti. Ci rivedremo presto. Perché vogliamo che il Natale del prossimo anno sia per voi migliore, vicino alla vostra casa”. Il presidente Sergio Mattarella ha voluto portare la vicinanza dello Stato a chi ha perso tutto, a chi, durante le feste, si sente ancora più solo:” Ognuno di noi è abituato a festeggiare il Natale con i propri cari, a casa, con la sua comunità. Per voi non è così. Ma sappiate che tutti gli italiani sono vicino a voi. Non possiamo capire quello che avete vissuto, ma possiamo darvi il nostro affetto”.

Ascoltano in silenzio le persone, che cambiano parole veloci con il presidente mentre fa il giro della sala, prima di trovare la forza di cantare l’Inno d’Italia (VIDEO). Sono i bambi a dare il la, sono loro che quando Mattarella gli passa vicino, iniziano a cantare. E con loro Mattarella, finalmente sorridente, che trova nelle note di Mameli l’orgoglio di un Paese ferito che combatte. “E’ la quinta volta che visita i luoghi terremotati. Per noi è il segno di una grande vicinanza, quello che serve alle persone per credere nella ricostruzione. Ha visitato fabbriche, poi scuole, poi le zone rosse e oggi chi è ospitato lungo la nostra costa. Mattarella di ha ricordato che la ricostruzione è impegno, è ritrovare il senso delle cose. Le persone oggi si sono strette a lui e lui ha portato l’abbraccio dell’Italia” conclude il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, affiancato dal sindaco Nazareno Franchellucci, dal prefetto Mara di Lullo e dai due uomini più impegnati sul territorio, il capo della protezione civile Curcio e il commissario Errani, oltre al direttore dell'Holiday Daniele Gatti.

@raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fermana, invasione di gioia in sala stampa

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.