Giovani e pieni di responsabilità, ecco i bagnini di Porto Sant’Elpidio: ‘Avete la vita delle persone nelle vostre mani’

bagninotavole0

La novità dell’estate per i 60 baywatch sono le tavole di salvataggio.

 

di Raffaele Vitali

PORTO SANT’ELPIDIO – Sono in azione da un mese, ma è agosto il momento chiave della loro stagione. Sono pronti i bagnini e bagnine di salvataggio che guidati da Giuseppe Vaccina e Gabriel Vrancianu, garantiscono la sicurezza lungo la spiaggia di Porto Sant’Elpidio. sono una sessantina, la metà donne. “Cresce sempre di più la presenza femminile e questo – spiega Vaccina – è un ottimo segnale. Anche perché hanno una grande capacità di attenzione”.

L’età è sempre più bassa, a 16 anni si prende il brevetto, anche se le nuove norme in arrivo dovrebbero spostare l’autorizzazione a 18 anni. “Ricordate sempre una cosa, voi – li ha ammoniti col sorriso la comandante della Capitaneria di Porto, Simona Gentile – avete la vita delle persone nelle vostre mani. Siete i nostri occhi”.

Un messaggio chiaro, che responsabilizza i giovani bagnini. Che non tremano. “Sono preparati, li formiamo e ogni mattina ci ritroviamo per il briefing iniziale” aggiungono i due coordinatori della GV Service. Da quest’anno la cooperativa si è dotata anche di otto nuovi mezzi, le tavole di salvataggio che diventano un’alternativa al classico pattino. “Sono mezzi più veloci e soprattutto usabili in ogni condizione, anche con le onde. Abbiamo formato la squadra, con esercitazioni costanti, visto che il sistema di recupero è differente. Un investimento importante, visto che costano circa mille euro l’una, ma è giusto stare al passo con i tempi, anche se l’ordinanza non le richiede, le pone come mezzo facoltativo”.

La cooperativa guidata da Vaccina conta di 140 bagnini, impegnati a Porto Sant’Elpidio, Civitanova Marche, Porto Potenza e Porto Recanati. “Arrivano da tutta Italia i bagnini, sono diversi quelli che fanno la stagione qui. Ad esempio Chiara, lei è di Taranto ma ha scelto Porto Sant’Elpidio”. Soddisfatta della squadra l'assessore Elena Amurri che ha acocmpagnato la comandante, concordando di riaprire il punto della Capitaneria all'interno della Torre civica nei prossimi giorni.

Il servizio durerà fino al primo settembre e copre tutta la giornata, senza interruzione per il pranzo: “Nella nuova ordinanza questo è richiesto e tutti si sono adeguati. So che a Porto Sant’Elpidio si faceva già da tempo” ribadisce la comandante che per ora sta vivendo una prima estate fermana tranquilla: Non abbiamo avuto casi particolari in mare. Certo, siamo stati tuti segnati dalla tragedia della bambina in piscina”.