05252019Sab
Last updateSab, 25 Mag 2019 1pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

Iscriviti al nostro canale Youtube

Colonie marine, spostamento delle concessioni e non solo: bocciato dalla Regione il piano spiaggia di P.S.Elpidio

lungomarepse

Il dirigente Fabio Montanini ha firmato la missiva di quattro pagine che rimanda la proposta elpidiense agli uffici competenti. Diverse le prescrizioni che, se sanate, porteranno però alla firma della delibera.

PORTO SANT’ELPIDIO – La variante al piano spiaggia di Porto Sant’Elpidio è stata bocciata dalla Regione Marche. Il dirigente regionale ha firmato la missiva di quattro pagine che rimanda la proposta elpidiense agli uffici competenti. Diverse le prescrizioni che, se sanate, porteranno però alla firma della delibera “contenente il parere di conformità che allo stato attuale non può essere approvato” precisa il dirigente.

Tra i punti da modificare c’è quello per l’installazione di gazebo per colonie marine. “Viste le tante spiagge libere disponibili, sarebbe sufficiente prevedere un’area da destinare al rilascio di concessione per colonie marine che potrebbe essere richiesta, come avviene in altre parti della Regione, anche da un consorzio di più comuni” precisa il dirigente regionale.  No solo, la Regione rimanda al mittente anche la richiesta di spostamenti o traslazioni di concessioni perché “laddove si verifichi una sottrazione di area demaniale destinata in precedenza alla libera utilizzazione della collettività, non si può prescindere da un’istruttoria prima del rilascio di una nuova concessione, perché tale sarebbe a tutti gli effetti”. Altri poi i punti che ora il Comune dovrà valutare e modificare.

“L’aspetto più grave – sottolinea il consigliere comunale Giorgio Marcotulli, Fratelli d’Italia -  è che la lettera della Regione è di dieci giorni fa e a oggi non hanno fatto nulla in Comune. Il piano resta così fermo”. Con la variante al piano spiaggia bloccata: “Le modifiche richieste dovrebbero essere un atto prioritario. Troppe perdite di tempo, anche con il ripascimento, che doveva partire il due maggio e che invece ancora è in stallo”. Il consiglio no manca: “L’assessore farebbe bene a muoversi, a pressare gli uffici visto che si parla di modifiche non così complesse. Quando ci sono questioni così importanti aperte è meglio rinviare vacanze e lavorare qualche giorno in più, anche se si è stanchi per il primo maggio”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Ponte di Rubbianello: cinque anni di nulla dopo il crollo

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.