06232018Sab
Last updateVen, 22 Giu 2018 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

La Lega entra nei Comuni fermani: Marinangeli, Tulli e Mattetti prendono la tessera

leganewentry

Parla di “punti di riferimento” Mauro Lucentini, che da coordinatore provinciale sta funzionando: “Non vogliamo essere sulla carta il primo partito, vogliamo esserlo nei fatti".

PORTO SAN GIORGIO – Campagna acquisti con un paio di colpi di qualità per la Lega nel fermano. Il senatore Arrigoni, commissario regionale, con il gotha nazionale, Tullio Patassini, Giorgia Latini e Paolini oltre a Marzia Malaigia, consigliere regionale, è arrivato a Porto San Giorgio per accogliere le tre new entry: tutti consiglieri comunali. “Ci stiamo allargando e ci stiamo radicalizzando come Lega. Rinunciare alla dicitura nord ci ha permesso di diventare un punto di riferimento”.

Marco Marinangeli, consigliere comunale a P.S. Giorgio, fa il salto di qualità, da socio sostenitore a militante. Gianluca Tulli, da Fermo Libera a Lega per il consigliere comunale del capoluogo di provincia. Infine Stefania Mattetti, “risorsa della Valdaso, con tanti comuni piccoli. Dopo aver militato nel centrodestra, ha scelto noi”.

Parla di “punti di riferimento” Mauro Lucentini, che da coordinatore provinciale sta funzionando: “Non vogliamo essere sulla carta il primo partito, vogliamo esserlo nei fatti. Siamo organizzati da Monte Urano a Montegranaro fino a Porto San Giorgio e Porto Sant’Elpidio dove il lavoro fatto da Senzacqua, che ha fatto un passo indietro per motivi di lavoro per farne due avanti”. Marinangeli permette di entrare in consiglio. La sicurezza è il punto che unisce con gli immigrati a Fermo la Lega e i 5 Stelle: “Non sono queste le uniche realtà su cui ci stiamo muovendo. Ci allargheremo anche in altri comuni”.

Marinangeli è soddisfatto “e sono emozionato. Perché un giorno in cui devo ringraziare Mauro Lucentini che mi ha voluto riferimento della Lega nella mia città. Ma grazie anche ad Arrigoni che ha avallato la proposta e a Fabio Senzacqua che mi ha supportato nelal corsa a sindaco, facendomi sentire uno della Lega”. Condivide principi e temi caldi con il partito di Salvini: “Un punto che mi ha sempre affascinato è il pragmatismo, la concretezza”. Da lunedì verrà costituito il gruppo lega in consiglio.

Tulli non è stato facile da convincere: “Vengo dal centrodestra, anzi dal destracentro. Ho scelto la Lega, dopo averla seguita per anni nella sua crescita a partito nazionale, perché rappresenta i miei ideali. Da oggi inizia il mio impegno per far radicare la Lega a Fermo, ma ho ricevuto tante telefonate. Spetta a noi coinvolgere le persone, che devono però sapere che gli esponenti nazionali e regionali saranno un riferimento”. Per il consigliere non cambierà la posizione in consiglio: “Non voglio far morire la storicità della lista”.

In total white la Mattetti: “Sono consigliera di minoranza a Lapedona, da trent’anni lavoro a Pedaso. La Lega all’inizio non si rispecchiava nella società italiana, era troppo territoriale, e ci ritrovavamo in Forza Italia. Non mi riconosco più ora in Silvio Berlusconi, che da tempo strizza l’occhio a Renzi mentre mi fa venire l’orticaria”. La Lega è diventata quindi la scelta naturale: “Penso all’immigrazione. Non sono contro gli stranieri, ne aiuto tanti. ma se uno straniero che sta in Italia e non ha il permesso di soggiorno va depennato dagli uffici anagrafici e privato della residenza. Ma se resta diventa un fantasma ed è destinato a delinquere. Ci creiamo il problema”. Da chi si occupa di servizi sociali non c’è la chiusura all’altro: “Quello in regola per me vale come l’italiano”

L’onorevole Arrigoni, nominato questore al Senato, si sta innamorando del Fermano, che si prepara anche a eleggere i suoi riferimenti andando oltre il commissariamento attuale a più livelli. “Lucentini è stato nominato responsabile regionale del tesseramento. Qui c’è una Lega in salute, che segue il risultato straordinario a livello nazionale dove abbiamo raggiunto il 18%”. Nelle Marche 4 parlamentari della Lega, il Pd si è fermato a tre: “Basta questo? No. Perché gli onorevoli pensano a Roma, pur con il collegamento diretto sul territorio. Ma è importante radicarsi ulteriormente sul territorio, attraverso una militanza di base, con il rafforzamento dei coordinamenti cittadini come quello di Porto San Giorgio di cui Marinangeli è referente. Ma ci serve entrare nelle amministrazioni locali”. Non teme innesti ‘infelici’ di nuovi esponenti perché “la Lega prima valuta le persone e i principi”.

Arrigoni fa un passaggio sul governo ‘legastellato’. “Due movimenti che si uniscono con un contratto e una certezza: mai un’alleanza con il Pd. Volevamo farlo con tutto il centrodestra ma ci sono stati veti incrociati da una parte e dall’altra. Potevamo andare al voto, con la Lega data al 25%, ma abbiamo scelto di puntare su u Governo in cui speriamo di recuperare almeno Fratelli d’Italia. Di certo non volevamo un Monti bis segnalato dall’Europa maligna”. La chiosa è sul made in Italy, “fondamentale e lo porteremo avanti come auspicati dagli imprenditori calzaturieri”,  vaccini, “non è giusto mandare fuori i bambini delle scuole, il nostro modello è Veneto che è legato alla formazione, per dare libera scelta evitando di irrigidire i genitori”, e gli immigrati: “Pronti ad accogliere i veri richiedenti asilo, ma non accettiamo i sedicenti profughi e clandestini che il Pd tutela. Sono il 90%, quasi 700mila persone”.

E per chiudere, il nodo terremoto secondo il contratto legastellato: “È al centro del nostro pensiero chiusura emergenza per dare il via alla ricostruzione per favorire lo sviluppo del territorio. Semplificheremo ogni procedura della ricostruzione pubblica. Semplificazione delle ordinanze e più potere ai sindaci”. Riparte da qui, dai referenti cittadini nominato dai provinciali “ma l’obiettivo mio, da quando Salvini mi ha chiesto di dare una mano, è di dare il via ai congressi cittadini dove ci sono i militanti per eleggere dal basso il segretario”.

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.