05202018Dom
Last updateDom, 20 Mag 2018 10am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

Iscriviti al nostro canale Youtube

Quante partite per i balneari: dal 'reset Bolkestein' alle scelte associative

costasacchi

“La direttiva - spiega la responsabile Cna Balneatori Fermo - non ci riguarda. Lo ha detto Frits Bolkestein, lo diciamo noi da sempre. Dichiarazioni fondamentali, rilasciate di fronte a numerosi esponenti politici".

PORTO SAN GIORGIO / PORTO SANT’ELPIDIO – Giorni importanti per i balneari della costa fermana. Mentre torna la speranza dopo le parole dell’ex commissario europeo che ha dato il nome e la sostanza alla direttiva Bolkestein, a Porto Sant’Elpidio si ritrovano gli associati alla Confcommerico per rinnovare le cariche. E non sarà una passeggiata, perché alcuni già hanno lasciato l’associazione di categoria e altri sono in procinto di abbandonarla, se non domani, quando si ritroveranno per parlare anche del piano spiaggia elpidiense oltre che di viabilità e bollette, magari nel 2019.

In molti già guardano al mondo della Cna, che sta ridando forza al settore dopo che a guidare la sezione è stata eletta Luciana Testatonda. Che interviene proprio sul tema della Bolkestein: “La direttiva - spiega la responsabile Cna Balneatori Fermo - non ci riguarda. Lo ha detto Frits Bolkestein, lo diciamo noi da sempre. Dichiarazioni fondamentali, rilasciate di fronte a numerosi esponenti politici. È la dimostrazione che la categoria ha subito vessazioni e intimidazioni senza fondamento. Si tratta esattamente di quanto per anni ha sostenuto la Cna spesso in pressoché totale solitudine. Un pericoloso equivoco al quale è arrivato il momento di mettere fine, lasciando gli imprenditori liberi di investire e di svolgere serenamente il proprio lavoro, creando occupazione e ricchezza diffusa”.

r.vit.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.