05252018Ven
Last updateVen, 25 Mag 2018 6am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Comune e associazioni si promuovono a pieni voti: "Un Mare di Natale e di presenze a P.S.Giorgio"

natalealberopsg

Un ruolo l’ha giocato il liceo artistico della città: “Un supporto notevole” aggiunge l’assessore Elisabetta Baldassarri che parla della valutazione estetica: “La percezione del valore estetico è soggettivo. Il valore aggiunto sono la novità e l’originalità delle creazioni".

PORTO SAN GIORGIO – Il Natale è passato e chi ha lavorato presenta il suo bilancio. Parola d’ordine: successo. “Il primo Natale insieme e ‘non solo’ dell’Amministrazione. Un programma ricco con appuntamenti di grande portata” sottolinea il sindaco Nicola Loira che confida di poter strutturare da oggi una rete migliorabile ed efficiente.

“Il supporto delle associazioni, Confcommercio, Pro Loco (“Bene l’unione” sottolinea Guerriero Berardini), Ataf, Cna, è stato l’aspetto più bello. Abbiamo anche puntato sulla comunicazione: 10mila volantini peri sette eventi principali distribuiti a Macerata, Civitanova, Fermo, Monte Urano, Porto Sant’Elpidio, Pedaso e interno del Fermano; 10mila brochure; interventi sulle radio; pubblicità” spiega l’assessore Giampiero Marcattili che ha puntato anche su Facebook. Rimarca anche lo spazio avuto sul Tg regionale grazie al maxi presepio e al servizio sul natale del sud delle Marche, “che ha portato 3200 visualizzazioni”. Merito anche di una presentazione anticipata del programma, avvenuta il 15 novembre: “Una scelta voluta con forza per far conoscere il più possibile quanto avremmo fatto” aggiunge Loira.

Numeri: “Calcolo approssimativo, 15mila visite per il presepio. Il parco dei dinosauri sta intorno ai 12mila biglietti staccati. Sappiamo che non possiamo tradurle in termini economici per i nostri commercianti, ma di certo come immagine siamo andati fuori dalle nostre mura” prosegue Marcattili. La promozione comune con Fermo e Porto Sant’Elpidio il prossimo anno verrà ampliata con coupon di sconto da inserire all’interno delle brochure portate in Umbria, per verificare davvero l’esito della campagna comune, quest’anno finanziata dalla Camera di commercio.

Un ruolo l’ha giocato il liceo artistico della città: “Un supporto notevole” aggiunge l’assessore Elisabetta Baldassarri che parla della valutazione estetica: “La percezione del valore estetico è soggettivo. Il valore aggiunto sono la novità e l’originalità delle creazioni. Notevole lo sforzo per coprire tutte le zone della città”. La preside del Liceo Stefania Scatasta incassa i complimenti: “Questo è un progetto, ma di certo possiamo crescere. Coinvolgerci ha aumentato il senso di appartenenza dei nostri alunni. Anche per decorare le casette ci siamo impegnati, per renderle migliori”.

Ci sono poi le chicche da non dimenticare: “Brick&Build ha portato 5mila presenze, la Befana ha garantito più di duemila persone, 1200 firme di bambini per la Casa di babbo Natale, l’area gioco neve ha registrato una 40ina di bambini al giorno, infine le quasi tremila persone per Cristina d’Avena (in azione il sabato pomeriggio proprio per favorire il commercio) e gli altri ospiti musicali” prosegue la Baldassarri che poi entra nei costi: “70mila euro dal Comune per manifestazioni turistiche e culturali dall’8 dicembre al 7 gennaio. Più diecimila euro da Camera di Commercio, Fondazione, Polaris, che ha messo a disposizione le calzature per l’area gioco neve, e Nuovo scatolificio Valtenna”. Soldi destinati ai contributi per gli organizzatori, ma anche a grafica e pubblicità, luminarie e utenze, logistica e acquisto materiale.

Si sono lamentati alcuni commercianti, ma la Confcommercio, con Teresa Scriboni, guarda avanti: “L’Amministrazione ha fatto un natale eccezionale, aggregando tutte le realtà e dando un programma unico. Poi, bello o brutto, è tutto soggettivo. Noi ci siamo impegnati coinvolgendo 49 attività commerciali in cui abbiamo portato anche l’arte, che ha raggiunto anche Torino e Palermo attraverso le pubblicazioni di settore”.

L’unione è il punto da portarsi per la prossima edizione secondo Alessandro Quinzi della Cna, “insieme alla solidarietà mostrata dal territorio”. L’Ataf si è presa degli impegni pewsanti prima di dicembre: il presepe, realizzato dalla signora Vecchi, e il mercatino: “Abbiamo scelto viale don Minzoni che commercialmente soffre. A posteriori, la vitalità della strada è stata notevole. Le oltre 15mila presenze al presepe, con gruppi organizzati arrivati in pullman, sono un regalo alla città”. Vecchi promuove anche il mercatino: “Operatori soddisfatti, c’è stato movimento e abbiamo selezionato le merci. Non era facile tenerli tutti i giorni per un mese”.

Il sindaco Loira riprende la parola in chiusura e rivendica le decisioni: “Il presepe non è stata una scelta casuale, ma traino per viale Roma. Non è stata casuale la scelta di Cristina D’Avena per data e luogo. Non improvvisata l’idea del natale per i bambini. Unica remora non essere riuscita a portare il lego in centro”. Prossimo step, l’estate: “I negozi di sera sono sempre chiusi, si lamentano tutti i turisti. Mi auguro che questa collaborazione e positività vista con un Mare di Natale possa diventare un progetto di più ampio respiro” chiude Vecchi. 

Raffaele Vitali

redazione@laprovinciadifermo.com 

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.