07222017Sab
Last updateSab, 22 Lug 2017 7am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Marrozzini, Mdp - Articolo 1: "Delusa da Loira. Una sola donna in Giunta, scriverò al Prefetto. La legge è chiara"

loira fascia

La segretaria provinciale: “Le donne ci sono in Consiglio e ci sono fuori, quindi di spunti ne avrebbe avuti. Spero non si debba arrivare al ricorso, ma…”.

di Raffaele Vitali

FERMO – Sonia Marrozzini, segretaria provinciale di Mdp-Articolo 1, in campagna elettorale il suo appoggio a Nicola Loira. Ha vinto, soddisfatta?

"Unico sindaco di centrosinistra a cui noi avevamo dato l’appoggio. Resta l’amarezza per alcune liste, come quella di Porto San Giorgio Bene Comune, che pur avendo preso una percentuale importante non è riuscita ad avere una posizione in Consiglio”.

Dopo l’insediamento, la conferma: 1 sola donna su cinque assessori. Cosa ne pensa?

“Rivivo quanto vissuto a Fermo, quando è trapelata la Giunta di Paolo Calcinaro. All’epoca non si ebbe il coraggio, dopo aver sollevato il caso come Pd, e la volontà politica di adire le vie giudiziarie”.

Spera in un ricorso a Porto San Giorgio?

“Non credo che ci si possa fermare a scuse e giustificazioni rispetto auna legge che deve essere applicata. Nella formazione delle Giunte è previsto almeno il 40% di genere. A parte la soddisfazione per la scelta di Elisabetta Baldassarri, questo non basta. Le cose vanno riportate alla legalità”.

Le motivazioni di Loira che parla ‘di equilibri politici’ la soddisfano?

“Non esiste che un equilibrio scavalchi un dettato normativo. Tra l’altro ci sono precedenti della giustizia amministrativa che sono granitici e costanti. Quindi la politica deve assumersi la sua responsabilità. Il segretario comunale ha parlato di legalità e rispetto delle leggi, ma la maggioranza ha nicchiato”.

In questo Loira l‘ha delusa?

“Mi ha deluso anche perché fa parte del mio ex partito in cui la parità di genere viene perseguita fin dalle rappresentanze interne, è nello statuto che si parla di alternanza di genere. Possibile che nel momento in cui ti trovi ad amministrare non riesci a coniugare merito, fiducia e rappresentanza di genere?”.

Anche perché le donne in Consiglio le ha, partendo da Catia Ciabattoni.

“Le donne ci sono in Consiglio e ci sono fuori, quindi di spunti ne avrebbe avuti. Spero non si debba arrivare al ricorso, ma…”.

Pensate di interessare anche la vostra onorevole di riferimento, Lara Ricciatti?

“Ho visto che in tanti casi si sono mossi i consiglieri di parità, come preannunciato dalla Vitturini. Bisogna agire sia a livello regionale che provinciale. Non si può pensare alla questione di colore, rosso o azzurro. Ma penso che io stessa solleciterò il Prefetto, come semplice cittadina”.

Pensate di esporvi anche per Sant’Elpidio a Mare?

“Anzi, se Loira non ha dato una motivazione politica soddisfacente, a Sant’Elpidio a Mare ci si è fermati alla battuta ‘non potevo chiedere a mia madre. Serve serietà in queste cose. Faccio l’in bocca al lupo a Gioia Corvaro, ma anche lì bisogna porre rimedio”.

Marrozzini, vedremo Mdp in corsa alle prossime elezioni locali?

“Ci stiamo strutturando. Partiremo a breve con i coordinamenti comunali. Stiamo portando avanti l’attività di tesseramento. Con le iniziative, anche nazionali, le persone cominciano a conoscerci meglio”.

Il progetto è di riunire tutta la sinistra?

“Questo è l’obiettivo di Mdp-Articolo 1. Il nostro è un campo aperto. Ma si deve partire da alcune tematiche segnando una discontinuità che ripetiamo da tempo. Dignità al lavoro, togliere le norme che aumentano la precarizzazione senza speranza, investire nella sanità pubblica, porre attenzione all’ambiente e al consumo del territorio. Su tematiche comuni costruiremo il nuovo campo, sgombrandolo da personalismi”.

@raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Il ritorno in vita della caretta caretta

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.