11222017Mer
Last updateMar, 21 Nov 2017 8pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Assalto all'Umbria: 10mila brochure su Fermo e Macerata. Agostini: "E P.S.Giorgio resta schiacciata"

piazzagrano

Materiale in corso di distribuzione nei Comuni dell’Umbria (in particolare, Spello, Bevagna e Foligno), centri che hanno affinità con Fermo e Macerata.

FERMO - L’Umbria nelle Marche. Non è uno slogan ma una realtà. Da quando il collegamento viario della superstrada è stato prolungato, per numerosi residenti umbri arrivare in vacanza, a vedere uno spettacolo, mangiare in un ristorante o semplicemente fare acquisti nella limitrofa terra marchigiana è molto più facile, anzi più veloce. E per promuovere le loro eccellenze, due grandi città di turismo, arte e cultura come Fermo e Macerata hanno unito le forze per far conoscere in terra umbra quanto di meglio si possa trovare nei loro territori.

Amarezza nelle parole di Andrea Agostini, consigliere comunale di opposizione a Porto San Giorgio, per il destino della propria cittadina: “In campagna elettorale mi sono speso a lungo per fare passare il messaggio della necessità di approfittare del collegamento viario SS77 Val di Chienti che collega Foligno a Civitanova e qualcuno sembra avere ascoltato o almeno avere avuto il medesimo sentire. Si tratta dei sindaci di Fermo e Macerata. Così mentre il 25 giugno il Sindaco di Porto San Giorgio incontra la Confcommercio per parlare di turismo e dichiarare la volontà di coordinarsi con l’assessorato al turismo di Fermo per evitare sovrapposizioni, ecco che quest’ultimo pubblica 10.000 brochure in italiano ed inglese in corso di distribuzione nelle città umbre con il programma delle iniziative estive e la promozione delle spiagge e dei servizi di Lido di Fermo e Marina Palmense. E il rischio delle sovrapposizioni? Scongiurato dalla fattività altrui”.

Fattività che ha portato a una campagna promozionale congiunta nelle strutture ricettive e negli uffici turistici dell’Umbria per presentare il litorale fermano e l’edizione 2017 della stagione d’Opera maceratese. Il piano lo spiega l’assessore di Fermo Francesco Trasatti: “10 mila brochure agili e veloci in duplice lingua, realizzate in collaborazione con la Camera di Commercio di Fermo, contenenti le informazioni di base sulle spiagge di Lido di Fermo (a 10 km dalla fine della superstrada) e Marina Palmense (a 1 km a sud dall’uscita Fermo-Porto san Giorgio dell’A14) e non solo: il calendario delle iniziative estive e una presentazione dell’intera città di Fermo dal punto di vista storico, culturale, i servizi informativi e una piantina con i contatti di ristoranti e strutture turistiche. Materiale in corso di distribuzione nei Comuni dell’Umbria (in particolare, Spello, Bevagna e Foligno), centri che hanno affinità con Fermo e Macerata”.

E se non fosse chiaro perché scegliere la costa Fermana, la brochure lo spiega nel dettaglio: 8.200 metri di litorale, 82% di spiaggia libera, parcheggi totalmente gratuiti, 16 chalet, 14 fra camping e aree camper, 24 fra hotel e strutture ricettive. “Un litorale di sabbia finissima adatta alle vacanze ed al relax per le famiglie, un lungomare che sa offrire tante opportunità: da Marina Palmense con i suoi campeggi e il suo mare dove praticare kitesurf e windsurf alla spiaggia di Lido di Fermo fino ai tanti eventi di musica, sport, spettacoli, senza tralasciare i tesori d’arte del centro storico di Fermo e del borgo di Torre di Palme poco lontani dalla costa”.

La conclusione per il cittadino sangiorgese? “Turismo a rimorchio di Fermo? Magari e lo si faccia in fretta che l’estate è bella che iniziata” ribadisce Agostini.

@raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.