08192017Sab
Last updateSab, 19 Ago 2017 1pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

In mille cambiano città: da Porto Sant'Elpidio a Porto San Giorgio è tutto pronto per la camminata Donnarosa

donna rosa

Alla presentazione c’erano le presidenti delle commissioni pari opportunità comunale, provinciale e regionale.

PORTO SAN GIORGIO – Camminare fa bene, è a costo zero, e si hanno benefici per la salute, sia fisica che mentale. Tiene sotto controllo il colesterolo, abbassa la pressione ed è un ottimo antistress e fa anche migliorare l’umore.  Ed è questo che si vuole sottolineare con la corsa “Donna Rosa”, che da Porto Sant’Elpidio, dove da 80 partecipanti nella prima edizione le iscritte lo scorso anno sono state 1300, quest’anno trasloca a Porto San Giorgio.

L’assessore elpidiense Milena Sebastiani spiega che la passeggiata non competitiva va nella città vicina perché “a Porto Sant’Elpidio non arriva più la maratona del Piceno Fermano, divenuta mezza maratona”. Gli organizzatori sono gli stessi dell’Half Marathon che si svolge a settembre e Doriana Valori, dell’Asd Valtenna, precisa che “il trasferimento è stato fatto per motivi logistici e di partnership”.

Ci si può iscrivere la mattina stessa della corsa, prevista per le 10 del giorno di San Giorgio, 23 aprile, o rivolgendosi a Sport Lab, statale sud, o presso il works medical center. Ogni partecipante paga 5 euro e riceve la sacca con tutti i gadget. La quota di partecipazione è destinata in parte al reparto di oncologia dell’ospedale di Fermo.

“Ringrazio tutti, Porto San Giorgio è lieta di ospitare questo evento – commenta l’assessore Valerio Vesprini – una passeggiata/corsa organizzata per le donne, che sono il centro della società. In un mondo dove ormai è (quasi) tutto virtuale lo sport aiuta a ritrovare la socialità”.

Alla presentazione c’erano le presidenti delle commissioni pari opportunità comunale, provinciale e regionale. E’ Elviana Graziani, al vertice della commissione sangiorgese, che vuole sensibilizzare verso “le cure sanitarie, alle quali spesso la donna rinuncia perché costose”. Silvana Zechini, ex assessore fermana e oggi presidente della commissione provinciale pari opportunità, sottolinea che momenti come quelli di domenica 23 aprile, servono a “porre l’accento sull’attenzione per il proprio corpo e per la propria mente, per il benessere”. “Siamo sensibili a queste tematiche e sosteniamo sempre iniziative di questo tipo” commenta infine Meri Marziali presidente regionale commissione pari opportunità.

Chiara Morini

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Molotov contro i vigili di Fermo, il sindaco: "Chi sa, parli"

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.