04282017Ven
Last updateVen, 28 Apr 2017 9am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Petrini e Arlotti rassicurano i balneari: "Gli imprenditori verranno tutelati"

petriniloira

“Non è possibile rovinare realtà familiari che caratterizzano l’imprenditorialità balneare italiana” commenta il sindaco Nicola Loira.

PORTO SAN GIORGIO – A Roma, in Parlamento, si lavora per approvare la legge delega sulle concessioni, mentre in tutta Italia la categoria dei balneari è esasperata, non ce la fa più a vivere nell’incertezza. Gli imprenditori lavorano con il rischio costante che vengano meno gli sforzi di una vita e non si fidano più, bloccando gli investimenti sulle proprie strutture. “La discussione in Parlamento è stata avviata – spiega l’on. Paolo Petrini – dopo le tappe delle commissioni finanze e attività produttive passerà alle camere”. La speranza è di fare il più presto possibile, e comunque non prima di tre mesi. Dopo la sarà la volta dei decreti legislativi, che il governo dovrà emanare rispettando i dettami europei. Dell’argomento si è parlato in un incontro a Porto San Giorgio, in cui oltre Petrini ha partecipato il relatore della legge delega, Tiziano Arlotti, che ha comunque cercato di rassicurare i concessionari presenti che “nell’assoluto rispetto del principio di concorrenza si cercherà di tutelare il valore creato dagli imprenditori, fatto di professionalità specializzata, ma soprattutto costituito dagli investimenti realizzati nelle imprese”. Il sindacato balneari nazionale però non si fida, vuole tempo, perché quelle dette sembrano solo parole. Si potrebbero rendere non demaniali alcune aree o indennizzare chi dovesse perdere la concessione, ma i balneari non demordono, perché loro vogliono continuare a lavorare. “Non è possibile rovinare realtà familiari che caratterizzano l’imprenditorialità balneare italiana” commenta il sindaco Nicola Loira.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fermana, invasione di gioia in sala stampa

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.