12132017Mer
Last updateMer, 13 Dic 2017 6am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Viva San Giorgio, una lista di donne per cambiare la città con Agostini

vivasangiorgio

Annuiscono i candidati riuniti nel bar sotto il Grattacielo. “Serve di più per la città. Chi si candida deve credere di poter cambiare. Il programma? In primis è fatto da una squadra che ha un comune intendimento”.

di Raffaele Vitali

PORTO SAN GIORGIO – Donne, donne, tante donne. Agostini presenta la seconda squadra e anche questa è al femminile “ma tuteliamo le quote blu”. E tra due settimane si presenterà la terza lista civica, Uniti per la città. “Dopo il battesimo di Forza Italia e Fratelli d’Italia la città si è avvicinata a me e il civismo è cresciuto. Qui non c’è un Andrea Agostini candidato sindaco per se stesso, ma per tutti. E qui ci sono i volti di chi mette in campo il suo talento e qualità”.

Matteo Perticari è il simbolo della lista. Si presenta con la sua bimba, per darle un futuro migliore, oltre che una attività, che oggi riapre in centro, sempre più florida. “Siamo qui per far cambiare Porto San Giorgio” ribadisce il sindaco che avrà tre liste ‘personali’, due politiche e due civiche.

“Ci sono civici improvvisati in questa corsa elettorale, che si scoprono candidati. E mentre noi siamo veri e soprattutto lo siamo da tempo. Gli altri ci rincorrono. Perché la città, i cittadini hanno visto in me il folle che può cambiare questo piattume. Io non credo di essere determinato, so che gli altri lo pensano di me. Ed ecco che tutti si candidano”.

La sua differenza con Loira è semplice: 2Noi no abbiamo la Ciabattoni, Vesprini e Gramegna con la poltrona da assessore già garantita. Qui ci sono persone che si impegneranno e si affermeranno. E lo faranno sapendo di avere al loro fianco Andrea Agostini, che subisce colpi bassi, ma al contempo non traballa”. Annuiscono i candidati riuniti nel bar sotto il Grattacielo. “Serve di più per la città. Chi si candida deve credere di poter cambiare. Il programma? In primis è fatto da una squadra che ha un comune intendimento”.

Ballottaggio? “Quello era certo ieri, da oggi penso che possiamo vincere”. Parla anche della Petracci: “Pure noi non facciamo gli apparentamenti. Non ci piacciono accordi sottobanco. Qui ci sono candidati che no hanno chance di arrivare al ballottaggio e che pensano di far da stampelle. L’unica cosa che ci può unire è l’essere alternative al Pd”.

Un passaggio sulla Tari: Ringrazio Loira come politico per l’aumento della tari, ma sono infuriato come cittadino. Non si può pensare di amministrare con un amico di partito in regione. Qui servono soluzioni strutturali, non si può ragionare su una politica di marchettari” tuona Agostini. Parla anche a chi sceglie Loira: “Come fate a candidarvi con questa amministrazione? Non certo per come sta la città e non certo per un posto da assessore, visto che è già tutto deciso”. Il sunto del gruppo: “Si governa per la gente”. E lo slogan diventa competenza e determinazione per rinascere.

La lista: 

Perticari Matteo
Papetti Andrea
Scotti Paolo
Calcinari Costantino
Pazzi Andrea
Nicolai Giovanni
Ascenzi Marzia
Bonanni Maria Magdalena
Buican Maria Magdalena
De Mingo Carmen
Ferracuti Monica
Fiorimanti Chiara
Iommi Marina
Ionescu Andrea Hermina
Tomassini Maria Adele
Vesprini Greta
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.