11232017Gio
Last updateGio, 23 Nov 2017 10am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

La Chiesa di San Giorgio si prepara alla riapertura: obiettivo messa della Befana

messaesterno
chiesalavorivigilipsg

Durante il suo saluto, il sindaco ha ringraziato il coro per “la disponibilità mostrata”, non solo nel cambio di location del concerto, ma anche per aver sopportato i disagi della rinuncia alla sede (causata dall’inagibilità dell’elementare Borgo Rosselli).

 

PORTO SAN GIORGIO - Fine anno al lavoro per vigili del fuoco, tecnici e ingegneri per cercare di risolvere le problematiche delle due chiese chiuse dopo le scosse di ottobre.

Più semplice il lavoro da fare sulla chiesa parrocchiale di San Giorgio, che potrebbe presto essere riaperta al culto nei primi giorni dell’anno. Lo ha annunciato il sindaco Nicola Loira durante il tradizionale concerto di Natale del coro polifonico città di Porto San Giorgio che, proprio a causa dell’inagibilità della chiesa, si è svolto nel teatro, gremito di gente che ha applaudito l’esibizione.

Durante il suo saluto, il sindaco ha ringraziato il coro per “la disponibilità mostrata”, non solo nel cambio di location del concerto, ma anche per aver sopportato i disagi della rinuncia alla sede (causata dall’inagibilità dell’elementare Borgo Rosselli). Ma ciò su cui Loira ha posto l’accento è che “la chiesa, durante il sopralluogo del 23 dicembre, è stata dichiarata parzialmente agibile. Per garantirne l’agibilità è stato già contattato l’ingegner Marini di Fermo che provvederà a effettuare un ultimo sopralluogo e poi la chiesa potrà essere riaperta al pubblico”.

Ciò che l’ingegnere dovrà valutare, nella giornata di domani, 28 dicembre, come conferma il parroco don Ermanno Michetti, è la tenuta della camorcanna, per assicurarsi che non cada materiale dal soffitto. A questo punto la chiesa potrebbe essere riaperta presto. Ce la faranno i fedeli della parrocchia San Giorgio Martire a tornare a messa nella chiesa per l’Epifania?

A quanto pare ci vorrà molto più tempo per risolvere l’altro problema, quello della messa in sicurezza del campanile della chiesa del Rosario. Il terremoto del 30 ottobre scorso ha infatti causato nuovi problemi e aggravato alcuni già presenti da anni, ma i lavori sono ormai in partenza.

Chiara Morini

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.