04202019Sab
Last updateVen, 19 Apr 2019 6pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Natale con i ladri. L'ira di Agostini: 'Basta, organizziamoci in attesa del Comune. Vigilanza privata pagata tra vicini'

ladri in casa

La casa è tutta a soqquadro, mobili spostati, armadi aperti, cassetti rovesciati, biancheria all’aria”. Poco prima, stessa sorte in via Correggio ssempre a Porto San Giorgio, anche loro sono arrivati con i ladri ancora dentro casa che fuggivano.

PORTO SAN GIORGIO – Paura, insicurezza, dolore. Questo il Natale a casa Agostini e in particolar modo a casa della sorella dell’ex sindaco. “Un buco negli infissi e il domicilio domestico è violato. Forse dobbiamo cominciare a passare le feste a casa, ma armati” sottolinea Andrea Agostini. Una provocazione, ma anche una riflessione sull’impotenza di fronte a certi fatti che nella notte di Natale hanno coinvolto due famiglie vicine. La prima, quella della sorella, in via Giotto (strada spesso colpita dai ladri, ndr), l’altra, degli amici, in via Correggio. Pochi metri di distanza, stesso esito: case completamente ripulite, in un caso all’arrivo dei proprietari i ladri erano ancora dentro. “Mia sorella un quarto d’ora dopo la mezzanotte non riesce ad aprire la porta di casa. Sembra bloccata ed allora dà una spallata e come si apre, viene respinta prepotentemente indietro. Chiama soccorso, arrivano dei buoni conoscenti, quindi i carabinieri e non resta che contare i danni. Infissi rotti, rubati danaro, gioielli, orologi, oggetti di valore. La casa è tutta a soqquadro, mobili spostati, armadi aperti, cassetti rovesciati, biancheria all’aria”. Poco prima, stessa sorte in via Correggio, anche loro sono arrivati con i ladri ancora dentro casa che fuggivano. “Se poi penso che i ladri avrebbero potuto trovare le vittime in casa, che avrebbe potuto derivarne violenza a donne e bambini, mi si gela il sangue dalla rabbia”.

Cosa fare per prevenire? “Serve coraggio. A Roma di superare le proposte di legge in atto con il più forte riconoscimento del diritto di sicurezza privata domestica: la mia casa è inviolabile, persone e proprietà, quindi se entri contro la mia volontà, non rispondo della tua incolumità. Ma coraggio anche a Porto San Giorgio nell’investire perché le strade pubbliche siano videosorvegliate. Come fare? La leva finanziaria per l’amministrazione è la Tasi, tassa comunale sui servizi indivisibili perché la vigilanza e la sicurezza pubblica sono beni oggi più che mai irrinunciabili”.

In attesa, Agostini si muoverà con i vinci di casa: “Subito dopo le feste incontrerò i miei vicini per vedere di ragionare insieme di una videosorveglianza privata integrata, da proporre poi al Prefetto per una gestione pubblica da parte delle Forze dell’Ordine. Se poi altri cittadini saranno interessati a condividere questo percorso per la nostra sicurezza, sarò a disposizione”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Ponte di Rubbianello: cinque anni di nulla dopo il crollo

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.